venerdì 13 giugno 2014

Wine for Dummies - Alcuni simpatici domanda-risposta per i neofiti del Vino



1. Quanti raccolti si fanno in un anno?
Capricci di alcuni vigneti a parte, la risposta è solo una, si parte verso settembre nell'emisfero settentrionale e  verso marzo nell'emisfero sud. L'uva viene raccolta e portata in cantina e l'intero ciclo ricomincia con la vite standby durante l'inverno e per riprendere vita in primavera.

2. Quanto vino produce una vite?
Dipende da molti fattori tra cui l'età della vite, la varietà da coltivare, le condizioni di crescita, la tipologia di vino che si andrà a produrre e, soprattutto, la qualità del vino stesso. Il volume dei frutti raccolti è determinata da fattori naturali e dalla mano del vignaiolo: la rimozione grappoli durante il periodo di crescita fa si che aumentino le concentrazioni in quelli rimanenti, ed è una pratica comune per i vini di qualità. Ci vuole poco più di un chilo di uva per produrre il succo sufficiente per una bottiglia di vino, ma a seconda di fattori di cui sopra una vite può produrre abbastanza frutta per una sola bottiglia di vino di alta qualità, o abbastanza per diverse bottiglie.

3. Cosa sono i solfiti?
I solfiti sono composti organici che si trovano naturalmente nell'uva e molti altri frutti e ortaggi. Ma l'anidride solforosa viene anche aggiunta al vino come anti-ossidante ed agente antibatterico per evitare che il vino si "ammali". I livelli sono estremamente bassi, ma alcuni produttori stanno cercando di evitare l'aggiunta di anidride solforosa (vini liberi), anche se alcune correnti di pensiero vedono questa pratica obbligata per non correre il rischio che i vini si alterino più rapidamente.

4. Cosa significa l'anno nell'etichetta?
Questo è l'anno in cui le uve sono state coltivate, non l'anno nel quale il vino è stato messo in commercio. Quasi tutti i vini di qualità sono il prodotto di un solo anno, sebben la fusione di due o più annate è comune in alcuni vini come Champagne e Sherry, oltre che in alcuni vini poco costosi. Esiste, inoltre, la tecnica denominata "Metodo Solera" che vede il travaso di diverse annate di anno in anno fino ad arrivare al prodotto finale, frutto 3, 4, 5 e più annate dello stesso vino.

5. Quando in etichetta leggiamo ad esempio che il vino ha "sentori di lampone" significa che hanno aggiunto frutta al Vino?
Assolutamente no! Anche se in alcuni vini detti aromatizzati o rinforzati possono essere aggiunti frutti o foglie o altri elementi aromatici, nella maggior parte dei casi la descrizione sul resto si riferisce alle più o meno complesse caratteristiche organolettiche del prodotto.

6. Che cos'è tannino?
Il Tannino è un composto estratto da uve bucce, semi e steli ed è più evidente nei vini rossi dove c'è più contatto con le vinacce durante la vinificazione. Il tannino è rilasciato anche dalle nuove botti di rovere. Il modo in cui il vino è fatto può influenzare la quantità di tannino e altri composti fenolici che vengono estratti dalle uve e finiscono nel vino. Il tannino contribuisce alla longevità del vino donandogli struttura vino e texture. Con l'età i tannini diventano più rotondi ed eleganti.

7. Quali sono esattamente le  gocce e cosa ci dicono del Vino?
C'è una credenza comune che gli archetti- i rivoli di vino che corrono lungo le pareti del bicchiere dopo che agitare esso - è un'indicazione del livello di alcool e di qualità, ma non è così semplice come sembra. La pulizia del vetro e la viscosità del vino possono anche causare differenze nelle gocce, quindi non è un indicatore infallibile di alta qualità o di alcoolicità.

8. Come fai a sapere quand'è il momento migliore per bere un vino che abbiamo messo in Cantina?
Questa è una domanda difficile ed è impossibile rispondere con degli assoluti La stragrande maggioranza dei vini sono fatti per il consumo immediato, anche se in molti pensano che il Vino "d'annata" sia il vino che abbiamo dimenticato in cantina per molti anni... in realtà il vino "d'annata" è il Vino prodotto in una delle migliori annate di quell'etichetta e quindi di maggior valore e non necessariamente se tenuto 30 anni in cantina, anzi...
In generale, i vini rossi reggono l'invecchiamento in modo migliore dei bianchi, ma ci sono alcune varietà di uve ed alcune tipologie di vino che si prestano all'invecchiamento meglio degli altri: vini ottenuti da uve Cabernet Sauvignon e vini di Porto possono essere molto longevi per esempio. Se tali vini migliorano con l'età è un'opinione soggettiva, in quanto il tempo muta caratteristiche cromatiche ed organolettiche del vino stesso.

9. Dovreste sempre decantare i vini rossi?
Raramente è necessario decantare un vino rosso: nella maggior parte dei casi si può semplicemente aprire, versare e gustare. In linea di massima si crede che alcuni vini giovani possano beneficiare dell'ossigenazione data dal "decantage" in caraffa/decanter, mentre per i vini più vecchi può essere utile procedere con la classica tecnica della candela per evitare che il sedimento/fondo in bottiglia arrivi nel bicchiere.
10. Perché alcuni vini mi danno il mal di testa?
Chiaramente i vini con più alcol possono essere la fonte di questo problema, ma alcune persone hanno una sensibilità particolare ai solfiti contenuti nei vini, e altri ancora a istamine, che si possono trovare nei vini rossi in particolare.

10. Che cosa significa "sa di tappo"?
Sicuramente non parliamo del fatto che ci siano piccoli pezzi di sughero galleggianti nel vino, bensì che il vino è stato colpito da una sostanza chimica chiamata TCA (2,4,6-tricloroanisolo). La TCA si può creare in un vino se nel tappo usato è presente anche soltanto un piccolo residuo della corteccia di quercia usata per fare il sughero, e può essere rilevato come un odore di muffa e off-sapori. Molti produttori sono passati a tappi a vite e di altre chiusure sintetiche (plastica) o addirittura al vetro, soprattutto a causa di questo problema.

Elenco blog personale