giovedì 18 giugno 2015

Un Uomo muore per aver bevuto un calice di Vino, che non sembrava, non odorava e non sapeva di Vino

Oggi, durante una delle mie solite rassegne stampa, ho notato una notizia pubblicata sul Daily Mail, che ha dell'incredibile e che mi ha fatto riflettere molto.
Quante volte il “normale” avventore di un locale si ritrova a bere o mangiare qualcosa in bar, caffetterie, ristoranti senza porsi neanche il problema di annusare, di guardare di cercare di comprendere, a prescindere da ciò che c'è scritto nel Menù o nella Carta, cosa stia bevendo o mangiando? Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio recita il vecchio proverbio e, purtroppo, il malcapitato cliente di un ristorante spagnolo ha commesso l'errore di fidarsi di chi gli stava servendo il Vino, piuttosto che fidarsi dei propri sensi!
La tragedia ha colpito un uomo spagnolo e la sua famiglia che, ordinando un Vino bianco si vede servire un calice pieno di un liquido incolore ed inodore. Il giornale locale riporta che la persona in questione ne avrebbe bevuto un solo un sorso, prima di accorgersi che quello non fosse Vino.

Purtroppo, però, quel sorso è bastato a causare rapidamente una grande sensazione di bruciore interno, che si è aggravato dopo aver bevuto dell'acqua nella speranza di trovare un po' di sollievo.
L'errore sembra essere dovuto al fatto che una persona dello staff del Ristorante avrebbe messo imbottigliato questa sostanza corrosiva in una bottiglia di Vino, di quelle solitamente servite alla mescita, un secondo dipendente l'avrebbe messa in frigorifero dove la bassa temperatura ne avrebbe reso difficilmente riconoscibile l'odore ad un neofita (ma non ad un barman di un ristorante!!!).

A prescindere dalla notizia, molto triste e sicuramente dipesa da una buona dose di sfortuna abbinata ad una grande negligenza, la mia riflessione resta quella riferita ai nostri sensi ed a quanto siano importanti in ogni campo, ma ancor più per apprezzare ogni cosa che beviamo e mangiamo.

Odorare il cibo prima di portarlo alla bocca, fare lo stesso con il nostro Vino, guardarli ed apprezzarne pregi e difetti, utilizzare gli strumenti a nostra disposizione per valutarne le sensazioni tattili attraverso le labbra, la lingua, il palato, magari – in alcuni casi - anche le dita, perché no... non è una di quelle cose precluse ai non esperti, non è qualcosa da snobbare a priori perché convinti di non aver la preparazione atta a comprendere un piatto o un Vino attraverso degli “strumenti di valutazione” di cui ogni individuo è dotato.

Questa notizia mostra come i nostri sensi e l'attenzione quando siamo a tavola possa addirittura salvarci la vita, ma con questo non voglio assolutamente né criticare la vittima che, magari in un semplice momento di relax e di disattenzione ha fatto qualcosa che può capitare persino al più attento degustatore, né tanto meno portare all'esasperazione un sentimento di mancanza di fiducia nei cuochi o in chiunque cucini o ci serva Cibo e Vino in un ristorante, anzi... la mia è solo una riflessione votata ad una maggior qualità dell'esperienza degustativa, in qualsiasi ambito e qualsiasi sia la nostra preparazione in materia, perché già il solo fatto di soffermarsi qualche istante in più ad osservare cromatismi, ad inebriarci di profumi, a ricercare sapori ed a vivere sensazioni sulla nostra pelle e nel nostro cuore, renderà ogni piatto ed ogni calice degni di essere ricordati!
Ci stiamo forse dimenticando di quanto siano importanti i nostri sensi? Quanti tra noi mangiano e bevono ormai per inerzia, solo perché "devono farlo", senza godersi quei momenti come un'esperienza sensoriale più o meno intensa? L'uomo sta perdendo piano piano una grande percentuale della capacità di percepire attraverso sensi come l'olfatto ed il gusto che erano di gran lunga molto più fini in epoche remote, cerchiamo almeno di goderci quel poco che ci resta, prestando attenzione a ciò che mangiamo e beviamo, non solo leggendo le etichette o chiedendo dove sia stato fatto e da chi, bensì fidandoci dei nostri sensi!


N.B.: Il Ristorante in questione è stato subito chiuso dalle autorità spagnole.


F.S.R.
#WineIsSharing

Elenco blog personale