domenica 20 marzo 2016

Monty Waldin ed il Vino biodinamico, biologico e "naturale" in Italia e nel mondo

Durante benvenuto Brunello, in quel della bellissima tenuta di Col di Lamo, incontrai una persona che stimo molto, che avevo già avuto modo di ascoltare un anno esatto fa durante un dibattito sui Vini biologici, biodinamici e "naturali" al Vinitaly: Monty Waldin. Fu in quell'occasione che decisi di aprire ad un personaggio del suo calibro le porte del mio WineBlog, nella speranza di poter dare un punto di vista esterno, ma al contempo molto centrato ed equilibrato, sul Vino biodinamico italiano in particolare. Nonostante i suoi mille impegni Monty si è espresso con grande dovizia di particolari e credo valga la pena leggere l'intervista fino in fondo. (English version here)
biodynamics monty waldin

-Cos'è il Vino per te?
Vino per me è cibo. È sempre stato cibo. Quando mi chiedono “che cosa hai mangiato a cena?”dico "un po 'di cibo solido ed un po' di cibo liquido, intendendo un po' di vino."
Ho lavorato nel mio primo vigneto a Bordeaux nel 1984, all'età di 17 anni. Non riuscivo a capire perché così tanti viticoltori mettessero così tanti prodotti chimici, non necessari, sulla loro terra. Hanno detto "Bordeaux è il posto migliore al mondo per fare il vino rosso." La mia conclusione era o Bordeaux era davvero un posto di merda per coltivare l'uva, o i viticoltori erano pessimi nel fare il loro lavoro. Non facevano altro che spruzzare sostanze chimiche, che hanno danneggiato il loro suolo, che ha reso più difficile per l'uva fermentare e che ha fatto perdere ai vini la loro individualità. Stavano degradando la loro personalità, la "Bordeauxness” dei loro vini.
Alcuni dei viticoltori di Bordeaux avevano anche orti biologici, per i propri ortaggi e vegetali, come facevano mio nonno e mio padre (ho lavorato anch'io nell'orto di mio padre). Questi viticoltori non utilizzavano i prodotti chimici che usavano in vigna, sulle loro verdure. Allora perché usano tanti prodotti chimici di sintesi sulle viti? Non aveva senso!
Ho continuato a tornare a Bordeaux per imparare a fare il vino e scoprì la biodinamica lì, nel 1993, per caso. Ho assaggiato un vino con una struttura unica, chiesto come era stato “cresciuto”, e ho scoperto che era "biodinamico". Non avevo mai sentito questa parola prima, così ho iniziato a fare qualche ricerca.
Ho iniziato a scrivere di vino, fatto un po' di TV e radio per la BBC, ho scritto alcuni libri e sono andato a lavorare in cantine biologiche e biodinamiche in Francia, Germania e California per imparare di più. Poi ho scritto un paio di libri sul vino biodinamico, un libro sul giardinaggio biodinamico ed ho girato una serie televisiva chiamata Chateau Monty su di me, che facevo vino biodinamico a Roussillon, in Francia, e ho iniziato a fare anche consulenza (in Germania, Argentina, Cile, Inghilterra, ecc).
La parte più difficile della consulenza sta nel cambiare la mentalità della gente. Il viticoltore sta pagando te perhé vuole cambiare. Il tuo lavoro come consulente è quello di permettere loro di vedere il lavoro in vigna come qualcosa che li aiuterà a crescere e svilupparsi come persone, come agricoltori, come creativi (che è ciò che la vinificazione è, si crea ogni anno qualcosa di nuovo) - e non come qualcosa che sarà una seccatura, che sarà difficile, che gli farà perdere soldi o il loro orgoglio nel loro lavoro.
Non credo che sia possibile convertire un vigneto che contiene un sacco di diserbante e altri residui spruzzando un paio di spray biodinamici ogni anno, o "lavorando con le fasi lunari". I Viticoltori che prendono questa pigra strada spesso ottengono scarsi risultati: uva, vino poveri poveri e danno alla biodinamica una cattiva fama.
Inizio sempre facendo fare ai viticoltori un sacco di compost da letame di alta qualità. Questo è complicato, richiede tempo, è costoso e logisticamente impegnativo e richiede un alto grado di competenza e l'impegno per farlo bene.
La prima domanda che chiunque dovrebbe fare ad un viticoltore biodinamico è "qual è il tuo regime di compostaggio"?, e non "potate seguendo la luna?". Chiunque può potare seguendo le fasi lunari, ma non tutti hanno la volontà o la sensibilità per fare un buon compost.
Quando mi gusto un famoso vino rosso "biodinamico" della costa mediterranea, che è molto alto in alcool e manca di acidità, ha oltre-maturi tannini ed ha un pH che è fuori equilibrio (troppo alto) sto degustando un vino da un terreno che è troppo caldo, che manca di humus, in cui le viti sono sotto stress perché, come il terreno in cui crescono, esse non sono in equilibrio: troppi grappoli, non abbastanza foglie, radici deboli. Il sole è troppo forte, e il terreno è troppo debole. Il terreno ha bisogno di essere incrementato con humus, l'humus deve essere "il terreno all'interno del suolo." E la formazione di humus è stimolata da compost ricco di vermi. E nel caso del compost biodinamico, porta anche forze o processi formativi al terreno che permette alle viti di sintonizzarsi nuovamente ai cicli lunari e stagionali.
E quando mi gusto un famoso vino bianco "biodinamico" da un clima più umido più a nord sulla costa mediterranea che è diluito in sapore e l'aroma ed ha elevata acidità verde sto ancora degustando un vino in cui il terreno è di nuovo debole. Il terreno dovrebbe essere come una spugna in grado di elaborare (assorbire, bere) precipitazioni consentendo anche la mineralizzazione (con il terreno che digerisce il cibo da dare alla vite) e prevenire l'erosione del suolo e la perdita dei suoi minerali e vermi.
Questo tipo di terreno è diventato come una piscina.
Le radici di vite non possono funzionare correttamente.
La vite produce troppa uva, troppe foglie, sapori acerbi, acidi acerbi.
Trattare la vostra vigna come fareste col il vostro orto. Avere un mix di biodiversità di piante, rimpinguate il terreno con un po' di compost di alta qualità biodinamica ogni tanto, lasciate alle piante il giusto equilibrio di calore e di luce, di acqua e di terra. Poi godrai del cibo che hai coltivato e lo mangerai per la cena: “il vino come il cibo e il cibo come il vino”.

-La tua Definizione di biodinamica?
Facile. La Biodinamica è un modo per creare cibo e vino che stimoli il corpo e lo spirito, creando per quanto possibile, una fattoria o una vigna, che sia un organismo vivente autosufficiente per cui l'agricoltore deve cercare di mettere le sostanze più tangibili (minerali, humus, la materia organica , vermi) e le forze formative immateriali o processi nel terreno e raccogliere ciò che ne viene fuori.

-Che ne pensi delle certificazioni bio?
Non vedo svantaggi per quanto riguarda la certificazione, sia per i produttori di vino o sia per i bevitori di vino.
I produttori di vino che si lamentano dei costi di certificazione-tasse ed extra-documenti sono felici di pagare le tasse e di completare il lavoro di ufficio di più quando dichiarano i loro vini come DOC o DOCG. Anche per etichettare i vini come IGT o Vino da Tavola richiede burocrazia e dei costi.
“Se non ci si preoccupa di ottenere la certificazione biologica/biodinamica, non ci si dovrebbe preoccupare di fare il vino. Quando salgo in un areo vorrei che il pilota mi dicesse "Ho una licenza per pilotare l'aereo e ogni tanto mi controllato per assicurarsi che la mia vista è OK, che sono un buon pilota e conosco le regole del trasporto aereo ". Non voglio entrare in un aereo pilotato da un pilota che dice: "guarda, non ho licenza di pilota ma devi fidarti di me quando dico che so come volare con questo aereo ...".
Inoltre, importatori di vino e monopoli statali (Canada, Scandinavia) vogliono certificazione e documentazione. Ci sono dei produttori di vino biologici o biodinamici che barano spruzzando prodotti vietati?
Sì, ma alla fine si faranno prendere attraverso le analisi del suolo o del vino.
La certificazione biologica e quella biodinamica impongono di registrare tutto. Può essere un buon modo di aiutare i produttori di vino a vedere veramente quali sono i prodotti che stanno spruzzando, quanto ne stanno spruzzando, quando, e se non ha funzionato. E 'come fare un business plan: dove posso risparmiare soldi (spruzzando meno) e migliorare la qualità (spruzzando meglio)?
Per molti produttori il calcolo nel passare da "chimico/convenzionale" alla viticoltura bio sarà questo: "Ho bisogno di accettare che il Biologico/Biodinamico mi darà rendimenti inferiori di uva e quindi meno vino. Ho anche dovuto pagare per la certificazione! Ma, io ho risparmiato qualche soldo sul spray. Tuttavia, qualsiasi risparmio faccio io devo spendere per impiegare più lavoro umano nelle vigne perché con sostanze organiche non vi è alcuna seconda opportunità se qualcosa va storto con la salute delle viti o uva. L'idea è sempre dunque “prevenire è meglio che curare!”. Dovrò spendere di più, ma i miei vini fermenteranno più facilmente perché i loro livelli di pH /ACIS/zucchero/alcool saranno più in equilibrio. E i miei vini invecchieranno meglio. E le persone e le api che vivono nei dintorni o che lavorano nei miei vigneti saranno più felici che io non usi la nebulizzazione di prodotti come fertilizzanti e pesticidi che sono stati sviluppati come risultato diretto di fabbricazione di bombe e gas nervino tecnologie sviluppate durante la prima guerra mondiale. "

-Come vedi il Vino Italiano biologico/biodinamico oggi?
Sono ottimista, ma io sono un ottimista naturale! In termini di qualità media di vino biodinamico in Italia devo essere onesto... ci sono alcuni produttori molto, molto bravi, ma ho l'intenzione di fare nomi, ma ci sono, anche, troppi vini che hanno sentori di una vinificazione sporca, di botti sporche, mancano il frutto, la tipicità e la maturazione. Se non mi credete andate in Austria ed incontrate i produttori biodinamici lì, chiedete loro come lavorano in vigna ed in cantina e degustate i loro vini. Poi andate in Nuova Zelanda, in regioni come Marlborough, Martinborough, Gisborne, e Otago e fate la stessa cosa. Poi in Alsazia in Francia, che è come un mini-Austria: un sacco di giovani viticoltori che sono molto collegati con i loro vini e che lavorano in aziende vinicole che sono pulite, ma non sterili e che fanno uso di legno, acciaio, vasche in pietra, e anfore. Poi andate nella Loira, Rossiglione, sud della Borgogna (Maconnais), Jurançon sud ovest della Francia. In tutti questi luoghi trovo vini con una vitalità interiore, maturazione ed una chiarezza cristallina. In Italia, la mia impressione è che a volte è come essere in Germania a metà degli anni 1990, dove la biodinamica era nella fase in cui contasse quanto biodinamico tu fossi e non se facessi un prodotto alimentare di alta qualità. I consulenti "guru" in Francia hanno trattenuto la biodinamica, e questo a volte è il caso dell'Italia. La Francia ha avuto una nuova generazione di consulenti che sono emersi nei primi anni 1990. In Germania e in Austria ci sono voluti fino alla fine del 1990 / primi anni 2000. In Italia solo recentemente è emersa una nuova ondata di consulenti.
L'Italia un un forte fermento nello sviluppo del “vino naturale" (come in Francia). Ma l'Italia è dietro la Francia in termini di biodinamica nel vino di alto livello. Quante cantine italiane sono al 100% biodinamiche a Barolo, Barbaresco, Bolgheri o Montalcino? Quanti sono biodinamici come Bonterra in California o Cullen in Australia o Château Pontet-Canet a Bordeaux? OK, queste proprietà sono famose, hanno un sacco di soldi e possono permettersi di pagare per i lavorare in vigna con i cavalli, potreste dire. Essi sono ricchi, noi no... ecc... ecc...
Bene, andiamo giù un livello di prezzo o due. Quali cantine biodinamiche italiane stanno facendo i vini rossi o bianchi secchi a livello di Matassa a Roussillon o vini bianchi secchi come quelli dei Bret Brothers nel sud della Borgogna o Ganevat nel Jura o da uve aromatiche e semi-aromatiche come decine e decine di coltivatori in Alsazia o da vigne lavorate con i cavalli come Bellahsen nel Midi o da varietà di uva antiche come Comte Abbatucci in Corsica o Sauvignon Blanc come quello di Alexandre Bain a Pouilly Fumé? La chiave di questi vini è la loro sapidità. Hanno un sapore maturo, chiaro, pulito e salino. Essi provengono da climi caldi, ma sono leggiadri come ballerine. Brillano, sono brillanti, hanno una beva instancabile. Questo è ciò a cui si dovrebbe puntare. Ci sono alcuni produttori che stanno lavorando bene, ma se ne potrebbero avere molti di più. Sarà emozionante vedere come le cose si svilupperanno nel corso dei prossimi anni.

-Mie conclusioni-
Come sapete, io non sono solito a punti di vista iper-critici e credo che Monty Waldin sia stato spesso etichettato come una sorta di "talebano del vino naturale" quando, in realtà, è da sempre il più equilibrato nell'esprimere il suo punto di vista consapevole sulla situazione di quella che è ancora considerata, da noi, una nicchia.
Ciò che emerge dalla traduzione della sua intervista in lingua madre (che pubblicherò successivamente per gli amici di tutto il mondo e per avere un riscontro su eventuali termini ambigui in italiano) è proprio la sua volontà di far capire come si possa creare una buona reputazione dei Vini biodinamici e "naturali", perseguendo la qualità ed il rispetto, senza filosofeggiare troppo e ponendo la massima attenzione in ogni fase del lavoro, dalla vigna alla cantina.
Credo che ci siano spunti importanti per gli amici winelovers e per i produttori stessi, per fare passi avanti verso una maggior consapevolezza anche in Italia, nei riguardi di questo affascinante mondo del Vino biodinamico.
Ringrazio ancora il mitico Monty Waldin per la avermi concesso questo suo interessante punto di vista, dal quale, sicuramente, partirò per farmene uno mio, più concreto, ma prima voglio continuare ad assaggiare... assaggiare... assaggiare!


F.S.R.
#WineIsSharing

Elenco blog personale