venerdì 24 giugno 2016

Il Rossese di Dolceacqua - Territorio, famiglia e passione per l'Az. Agricola Dallorto Luca

Oggi parliamo di Rossese di Dolceacqua e dopo aver assaggiato “qualcosina” negli ultimi anni ed indagato un po' sulla storia di questo territorio, delle cantine che vi sono sorte e, soprattutto, delle genti del Vino che lo abitano, lo vivono e lo coltivano sono qui a scrivervi di una delle realtà più interessanti nelle quali io mi sia imbattuto: l'Az. Agricola Dallorto Luca.
Si tratta di un'azienda giovane, che nasce come diretto e naturale prolungamento di una passione che lega un'intera famiglia ed attraversa diverse generazioni, quella del Vino.
Come si dice spesso, tutto nasce dalla vigna e nel caso dell'azienda Dallorto questa massima è ancor più vera, in quanto il primo passo per lo sviluppo della cantina è stato quello di recuperare gli antichi vigneti di famiglia, ai quali, ovviamente, negli anni si sono aggiunti nuovi impianti di Rossese e Pigato.
rossese du nemu
Oggi le viti con più esperienza hanno ben 90 anni, ma la prima vigna di questa famiglia del Vino fu piantata nel lontano 1857, grazie alla passione dei bisnonni Gio Batta, anche detto "Pà Bacì" e Stanislao, chiamato "Pì" i quali scelsero le zone Arcagna e Cima Tramontina come luoghi ideali per coltivare non semplicemente la vigna ma, soprattutto, una passione; la stessa passione che dai bisnonni è arrivata sino a Giancarlo e poi a suo figlio Luca grazie al nonno Nemu che ha saputo trasmettere al nipote l’entusiasmo del passato.
"Arcagna, eletta successivamente zona di eccellenza per la produzione del Rossese, è attraversata dall’Alta Via dei Monti Liguri antico sentiero che attraversa la Liguria da ponente a levante. In queste terre il clima, l’esposizione, l’altitudine e le erbe aromatiche donano alle uve una miscela di più elementi indispensabili per ottenere un ottimo e particolare vino Rossese."
La prima vinificazione di quest'azienda risale al 2009, ma nei Vini che ho avuto modo di assaggiare si sentono già due peculiarità indispensabili per fare grandi Vini ovvero la capacità di rispettare i vitigni in perfetta linea con la tradizione e con la volontà dei nonni di “imbottigliare il territorio e l'uva” e la voglia di sperimentare, ma sempre con rispetto e premura, senza andare a snaturare ciò che la vigna doni, bensì cercando di esaltarne le sfumature.
Un territorio, quello del Rossese in cui il ruolo dei vignaioli è fondamentale, più che in altre aree dove l'aiuto più o meno comprensibile della tecnologia agevola molto il lavoro... qui tutto è fatto a mano “o per amore o per forza”, come recita il saggio adagio!
du nemu vino
Du Nemu 2015 - Rossese di Dolceacqua DOC: un Vino che ha nei sentori i colori della Liguria e dell'Italia più bella, solare e rigogliosa. Sapete quelle spiagge nascoste, celate ai più, ma che sono raggiungibili solo attraverso dei passaggi attraverso la tipica macchia mediterranea? Immaginate di raggiungerla e di farvi tutta la camminata in preda a profumi esaltati dal Sole e dal vento che sa di mare. Arrivati alla spiaggia, trovata una sola persona ad attendervi, non la conoscete eppure vi sembra di conoscerla da sempre... è l'Amore della vostra vita (che nel mio caso, neanche a dirlo, sa di Vino!), o forse un fuoco di passione estivo... non importa! Fatto sta che il cuore inizia a battere più forte e la voglia di vivere quel momento così fresco, spontaneo e pieno di tutta la bellezza di questo mondo, senza limiti di tempo è così forte da far passare tutto il resto in secondo piano. Questo è un Vino che per qualcuno potrebbe non costare abbastanza per fare i fighi ordinandolo al ristorante, per altri potrebbe essere troppo “semplice” per intrigare la propria mente in cerca di sensazioni forti, ma per me è... vita!

Ci sarebbe anche un brillantissimo rosato, che rappresenta la spinta verso una contemporaneità educata e femminile, ma che sa distinguersi dagli altri rosati per identità territoriale e varietale. E' un Vino "nuovo" quindi aspetto di assaggiare le prossime annate per parlarvene con maggior cognizione di causa, ma se vi dovesse capitare, assaggiatelo... ne vale la pena!
Il Rossese di Dolceacqua è un valore dell'Italia del Vino ed anche se spesso snobbiamo la Liguria quando parliamo di Rossi, bastano le meravigliose aziende, con le loro stupende vigne, che producono questo grande Vino a renderla una delle regioni più interessanti a 360° dal punto di vista enoico e vitivinicolo.
F.S.R.
#WineIsSharing

Elenco blog personale