sabato 29 ottobre 2016

Torna l'evento enoico dell'anno - Il mercato dei vignaioli indipendenti della FIVI a Piacenza

Come già accennato giorni fa in un altro post, novembre sarà un mese davvero denso di eventi enoici e di occasioni per incrociare i nostri calici, nonché per incontrare e conoscere vecchi e nuovi produttori e vignaioli di tutta Italia.
Se c'è un evento che non mi perderei per nulla al mondo quello è, senza ombra di dubbio, il Mercato dei Vignaioli Indipendenti (FIVI) che si terrà presso Piacenza Expo il 26 ed il 27 novembre.
Si tratta della sesta edizione del mercato ed i vignaioli presenti quest'anno saranno circa 400.
Per chi non lo sapesse il principio cardine della FIVI è che i produttori associati coltivino le vigne direttamente, ne imbottiglino il vino prodotto, seguendo e curando personalmente tutte le fasi produttive, in parole povere che non siano meri imbottigliatori e che non acquistino uve.
Il format ormai rodato è quello dell'evento mostra-mercato, durante il quale gli ampi spazi permetteranno di fare due chiacchiere con la dovuta calma ed attenzione con i produttori provenienti da ogni regione italiana, con la possibilità di acquistare i Vini assaggiati. Ormai un must del Mercato dei Vignaioli Indipendenti sono i carrelli della spesa con i quali gli avventori potranno girare liberamente per gli spazi della fiera, rendendo più comodo l'acquisto di un numero maggiore di bottiglie.
Non mancheranno le degustazioni guidate, finalmente, non da relatori esterni, bensì dagli stessi vignaioli che non solo racconteranno il proprio Vino, bensì condivideranno con i presenti la propria storia ed il proprio approccio al lavoro del produttore di Vino, con meno tecnicismi e più emozionalità.

Le Degustazioni

Due le verticali previste, una del mitico Barbacarlo di Lino Maga e una di Collio di Edi Keber e due degustazioni che toccheranno estremo Nord ed estremo Sud dello stivale, dal Trentino di Pojer e Sandri alla Calabria di ‘A Vita.
Come già detto l'anno scorso, prima della quinta edizione del mercato fivi, la cosa che mi spinge verso questo evento non è un ideale o chissà quale principio proprio all'associazione, per quanto trovi la fivi molto equilibrata e open mind, ma parteciperò semplicemente perché mi sono reso conto e continuo a rendermi conto che tra i Vini più interessanti, le Cantine più in linea con la mia idea di Vino e l'empatia speciale instaurata con alcuni produttori il simboli dei vignaioli indipendenti spunta sempre fuori, quasi come fosse un segno distintivo di qualità enoiche ed umane di fondo, di certo non certificabili e, certamente, soggettive, ma evidenti fra la maggior parte di questi produttori.

Info orari e biglietti

Vi do anche qualche info riguardo gli orari di apertura del Mercato dei vini sono:
sabato dalle 12.30 alle 19.30 e domenica dalle 11.00 alle 19.00.
Ingresso € 15.00 (ridotto € 10 per i soci AIS – FIS – FISAR – ONAV – SLOW FOOD e per i possessori del biglietto della manifestazione MareDivino 2016).
Biglietto per due giorni: € 25,00

Elenco Vignaioli

I Vignaioli Indipendenti FIVI che partecipano al Mercato dei Vini 2016
Abruzzo
PODERE DELLA TORRE, PE
AUSONIA, TE
DE ANGELIS CORVI, TE
Basilicata
GRIFALCO, PZ
MUSTO CARMELITANO, PZ
PODERE LUCANO, PZ
Calabria
TENUTE PACELLI, CS
‘A VITA, KR
ARCURI SERGIO, KR
CATALDO CALABRETTA VITICOLTORE, KR
DELL’AQUILA, KR
TENUTA DEL CONTE, KR
CASA COMERCI, VV
Campania
CONTRADE DI TAURASI, AV
PIERLUIGI ZAMPAGLIONE, AV
PIETRACUPA, AV
ALEXIA CAPOLINO PERLINGIERI, BN
CANTINA FOSSO DEGLI ANGELI, BN
MUSTILLI, BN
TORRE DEL PAGUS, BN
VINI ORSINI, BN
MASSERIA CAMPITO, CE
NANNI COPE’, CE
TERRE DEL PRINCIPE, CE
CANTINE DELL’ AVERNO, NA
CANTINE MATRONE, NA
LUIGI MAFFINI, SA
MONTEVETRANO, SA
Emilia Romagna
GIOVANNINI GIORGIO, BO
LA PALAZZONA, BO
LODI CORAZZA, BO
MANARESI, BO
TERRE DI MACERATO, BO
DREI DONA’, FC
MARTA VALPIANI, FC
CAVALIERA, MO
PODERE IL SALICETO, MO
TERRAQUILIA, MO
BARACCONE, PC
BORRI GRAZIELLA, PC
CASA BENNA, PC
CASCINOTTA DI RIZZOLO, PC
CASTELLO DI AGAZZANO, PC
CORDANI MARCO, PC
LA TOSA, PC
MARENGONI SILVIO, LINO E FLAVIO, PC
SACCOMANI, PC
TERZONI CLAUDIO, PC
TORRE FORNELLO, PC
UCCELLAIA, PC
VITIVINICOLA VALLA, PC
ANTONIO ALDINI, PR
ANCARANI, RA
CANTINA SAN BIAGIO VECCHIO, RA
COSTA ARCHI, RA
ALJANO, RE
FERRETTI VINI, RE
REGGIANA, RE
TENUTA LA PICCOLA, RE
TENUTA CARBOGNANO, RN
Friuli Venezia Giulia
BLAZIC FRANCO, GO
DRAGA, GO
FERLAT SILVANO, GO
IL CARPINO, GO
KEBER EDI, GO
KORSIC RODOLFO, GO
RACCARO, GO
RENATA PIZZULIN, GO
SAN LURINS, GO
STELLA, GO
TERRE DEL FAET, GO
VOSCA, GO
BESSICH VINI, PN
BORGO DELLE OCHE, PN
LE FAVOLE, PN
RIVE COL DE FER, PN
AQUILA DEL TORRE, UD
BORGO DEI SAPORI, UD
CADIBON, UD
CECCHINI MARCO, UD
FALCON, UD
FEUDO DEI GELSI, UD
FLAIBANI, UD
FOFFANI, UD
MARCORIN & PLOZNER, UD
TARLAO, UD
VIGNAI DA DULINE, UD
VILLA JOB, UD
Lazio
ALBERTO GIACOBBE, FR
CASALE CERTOSA, RM
DE SANCTIS LUIGI, RM
Liguria
VISAMORIS, IM
DEPERI LUCA, IM
IL TORCHIO, SP
BERRY AND BERRY, SV
Lombardia
ANTICA TESA, BS
BOSIO, BS
CANTRINA, BS
CASCINA BELMONTE, BS
CASCINA MADDALENA, BS
CAVALLERI, BS
CORTE FUSIA, BS
GATTI ENRICO, BS
I NADRE, BS
IL MOSNEL, BS
LAZZARI, BS
PASINI SAN GIOVANNI, BS
PERLA DEL GARDA, BS
TENUTA LA VIGNA, BS
TOGNI REBAIOLI, BS
VALLECAMONICA, BS
ZATTI GIOVANNI, BS
ANTONIO PANIGADA, MI
ALESSIO BRANDOLINI, PV
BRANDOLINI PIETRO, PV
CALATRONI, PV
CASTELLO DI STEFANAGO, PV
COLLE DEL BRICCO, PV
FRECCIAROSSA, PV
LA ROCCHETTA, PV
MARTILDE, PV
MV – MARCO VERCESI, PV
PADROGGI LUIGI E FIGLI, PV
PELLEGRINI, PV
PICCHIONI ANDREA, PV
PICCOLO BACCO DEI QUARONI, PV
PIETRO TORTI, PV
SAN MICHELE AI PIANONI, PV
TENUTA BELVEDERE, PV
TENUTA PERCIVALLE, PV
TORRAZZETTA, PV
TORRE DEGLI ALBERI, PV
ARPEPE, SO
CASCINA PIANO, VA
Marche
ALESSANDRO MORODER, AN
ANGELI DI VARANO, AN
BROCCANERA, AN
LA CALCINARA, AN
LA MARCA DI SAN MICHELE, AN
PERUZZI LIANA, AN
TENUTA SAN MARCELLO, AN
TOMASSETTI MATTEO, AN
VILLA BUCCI, AN
EMANUELE DIANETTI, AP
FIORANO, AP
LA VALLE DEL SOLE, AP
PANTALEONE, AP
PS WINERY, AP
VIGNETI BONAVENTURA, AP
BOCCADIGABBIA, MC
CANTINA SANTORI, MC
FATTORIA LA MONACESCA, MC
TIBERI DAVID, MC
CIGNANO, PU
Molise
CLAUDIO CIPRESSI, CB
Piemonte
ALEMAT, AL
CASCINA BANDIERA, AL
CASCINA BOCCACCIO, AL
CASCINA GENTILE, AL
CASCINA I CARPINI, AL
CASCINA LA SIGNORINA, AL
CASTELLO DI GRILLANO, AL
CORTE SOLIDALE, AL
COSTA DEI PLATANI, AL
FIORDALISO, AL
IL POGGIO, AL
LA COLOMBERA, AL
LA VECCHIA POSTA, AL
OLTRETORRENTE, AL
ROCCA RONDINARIA, AL
ROCCO DICARPENETO, AL
VIGNETI BOVERI GIACOMO, AL
ADRIANO GRASSO, AT
AVEZZA PAOLO, AT
BEPPE BOCCHINO GIUSEPPE, AT
CA DEL PRETE, AT
CA’ ED CERUTTI, AT
CASA BUFFETTO, AT
CERUTTI, AT
CORDARA, AT
CRIOLIN, AT
CRIVELLI MARCO, AT
DACASTO DUILIO, AT
EMILIO VADA, AT
EREDE DI CHIAPPONE ARMANDO, AT
FORTETO DELLA LUJA, AT
GARRONE EVASIO & FIGLIO, AT
IVALDI DARIO, AT
L’ARMANGIA, AT
MOSPARONE, AT
SANT’ANNA DEI BRICCHETTI, AT
TENUTA SANTA CATERINA, AT
ABBONA ANNA MARIA, CN
ADRIANO MARCO E VITTORIO, CN
CA’ DI CAIRE’, CN
CA’ RICHETA, CN
CASCINA MELOGNIS, CN
CIABOT BERTON, CN
DROCCO RENZO, CN
E. MOLINO, CN
ELLENA GIUSEPPE, CN
FILIPPA CLARIO E FIGLI, CN
FRATELLI AIMASSO, CN
GIORDANINO TERESIO, CN
LA MORANDINA, CN
ORLANDO ABRIGO, CN
PAITIN, CN
RENZO CASTELLA, CN
RIVETTI MASSIMO, CN
ROSSO FRANCESCO, CN
SOBRERO, CN
TENUTA IL FALCHETTO, CN
BARBAGLIA, NO
CASTALDI FRANCESCA, NO
GILBERTO BONIPERTI, NO
MAZZONI TIZIANO, NO
PODERE AI VALLONI, NO
CIECK, TO
ILARIA SALVETTI, TO
LA CHIMERA, TO
LA PALAZZINA, VC
Puglia
CANTINE CARPENTIERE, BA
MAZZONE, BA
PIETRAVENTOSA, BA
MASCIULLO, BR
FRANCO DI FILIPPO, BT
SAN RUGGIERO, BT
L’ASTORE MASSERIA, LE
CANTINA NISTRI, TA
GIANFRANCO FINO, TA
LAMA DI ROSE, TA
MORELLA, TA
Sardegna
TENUTA MUSCAZEGA, OT
Sicilia
BARONIA DELLA PIETRA, AG
ENÒ-TRIO, CT
FENECH FRANCESCO, ME
PUNTA ARIA, ME
SPADAFORA DEI PRINCIPI DI SPADAFORA, PA
ARMOSA, RG
CANTINA GURRIERI, RG
MARABINO, SR
PORTA PANTALICA, SR
PUPILLO ANTONINO, SR
Toscana
LA SALCETA, AR
MORANDIWINE, AR
PODERE BELLOSGUARDO, AR
PODERE LA MADIA, AR
CARUS VINI, FI
CASALE DI GIGLIOLI, FI
FATTORIA CASA SOLA, FI
FATTORIA DI PETROGNANO, FI
LA QUERCE, FI
LE CINCIOLE, FI
PODERE GUALANDI, FI
SOLATIONE, FI
VILLA DEL CIGLIANO, FI
DE VINOSALVO VIGNAIOLI, GR
IL CIVETTAIO, GR
L’APPARITA, GR
MURALIA, GR
PODERE POGGIO AL GELLO, GR
PODERE RIPARBELLA, GR
SASSOTONDO, GR
SIMONA CECCHERINI, GR
TERNI FIORELLA, GR
ARRIGHI, LI
FABIO MOTTA, LI
GUADO AL MELO, LI
MICHELE SATTA, LI
MULINI DI SEGALARI, LI
NANNINI MARSILIO, LI
TENUTA DELLE RIPALTE, LI
IL CALAMAIO, LU
TENUTA DI VALGIANO, LU
TENUTA LENZINI, LU
CASTELDELPIANO, MS
PODERE FEDESPINA, MS
TERENZUOLA, MS
CASTALDI, PI
DUEMANI, PI
FATTORIA KAPPA, PI
LA MERCARECCIA, PI
PIETRO BECONCINI, PI
PIEVE DE PITTI, PI
PODERE MORAZZANO, PI
SORELLE PALAZZI, PI
CANNETA, SI
CASINA DI CORNIA, SI
CASTELLO DI RIPA D’ORCIA, SI
EREDI ENZO RASPI, SI
FATTORIA POGGIARELLO, SI
ISTINE, SI
PALAZZO DI PIERO, SI
PODERE ALBERESE, SI
PODERE ALBIANO, SI
SANLORENZO, SI
TERRALSOLE, SI
TORNESI, SI
Trentino Alto Adige
GLASSIERHOF, BZ
HADERBURG, BZ
MANINCOR, BZ
MARTIN ABRAHAM, BZ
MASO THALER, BZ
MESSNERHOF, BZ
PARDELLERHOF MONTIN, BZ
PATRICK UCCELLI, BZ
TENUTA BARON LONGO, BZ
TENUTA CASTELLO ENGLAR, BZ
TENUTA LIESELEHOF, BZ
THOMAS NIEDERMAYR HOF GANDBERG, BZ
THURNHOF – ANDREAS BERGER, BZ
WEINGUT UNTERHOFER, BZ
WEINGUT UNTERORTL – CASTEL JUVAL, BZ
WEINHOF KOBLER, BZ
BALTER, TN
BELLAVEDER, TN
CESCONI, TN
DE VESCOVI ULZBACH, TN
DONATI MARCO, TN
EREDI DI COBELLI ALDO, TN
FILIPPI MATTIA, TN
FRANCESCO MOSER, TN
FRATELLI PISONI, TN
GRIGOLLI BRUNO, TN
LONGARIVA, TN
MASO BERGAMINI, TN
POJER E SANDRI, TN
VILLA PERSANI, TN
ZANOTELLI, TN
Umbria
HEART OF ITALY, PG
LA CASA DEI CINI, PG
RAINA, PG
BUSSOLETTI LEONARDO, TR
CASTELLO DI MONTEGIOVE, TR
PALAZZONE AZIENDA AGRICOLA, TR
Valle d’Aosta
LES CRETES, AO
MAISON VIGNERONNE FRERES GROSJEAN, AO
PAVESE ERMES, AO
Veneto
DE BACCO PIETRO, BL
AL CONTADIN, PD
IL MOTTOLO, PD
MONTEVERSA, PD
QUOTA 101, PD
BASTIA REBULI MICHELE, TV
BELE CASEL, TV
BELLESE GIACOMO E ENZO, TV
BRESOLIN ENRICO, TV
CA’ PIADERA, TV
CANEVA DA NANI, TV
CANTINA MIOTTO, TV
CASE PAOLIN, TV
COL DEL LUPO, TV
DUE CASTELLI, TV
FIORIN SILVIA, TV
FOLLADOR FRANCESCO, TV
FRATELLI COLLAVO, TV
LE VOLPERE, TV
MALIBRAN, TV
MARTIGNAGO, TV
MATTIAZZO LEO, TV
MONGARDA, TV
ROSANATALE, TV
RUGE, TV
SPAGNOL COL DEL SAS, TV
TERRE BOSCARATTO, TV
VETTORI, TV
BORGO STAJNBECH, VE
CANTINA VINTINOVE, VE
MONTECARIANO, VE
VALLE FRASSINA, VE
CHIESA VECCHIA, VI
DAVIDE VIGNATO, VI
FIRMINO MIOTTI, VI
GALLIO BRUNO, VI
LA PRIA, VI
PUNTO ZERO, VI
ANCILLA LUGANA, VR
ANTOLINI PIER PAOLO E STEFANO, VR
BERGAMINI DAMIANO E DANIELE, VR
CASCINA MONDATOR, VR
COALI-TENUTA SAVOIA, VR
CORTE QUAIARA, VR
CORTE SCALETTA, VR
COTTINI, VR
DAMA DEL ROVERE, VR
FALEZZE, VR
GIOVANNA TANTINI, VR
GRAZIANO PRA’, VR
I SCRIANI, VR
IL MONTE CARO, VR
INAMA, VR
CA’ LA BIONDA, VR
LA DAMA, VR
LE FRAGHE, VR
LE VIGNE DI SAN PIETRO, VR
MARCO MOSCONI, VR
MASSIMAGO, VR
MIZZON, VR
MUSELLA, VR
NARDELLO DANIELE, VR
NOVAIA, VR
PIEROPAN, VR
POGGIO DELLE GRAZIE, VR
SAN MATTIA AGRICOLA EDERLE, VR
SPERI VITICOLTORI, VR
TENUTA CHICCHERI, VR
TENUTA SANTA MARIA, VR
TERRE DI PIETRA, VR
VALENTINA CUBI, VR
VILLA CRINE DI VENTURINI, VR
ZYME’, VR
Francia

VIGNOBLE SIMONNOT

Ci vediamo a Piacenza! 

F.S.R.
#WineIsSharing

giovedì 27 ottobre 2016

Fattoria La Striscia ad Arezzo di Ilaria Occhini - Tra palco e realtà

Se c'è una cosa che ho imparato in questi anni di girovagar enoico è di non essere mai prevenuto riguardo le proprietà di un'azienda o il modus operandi della cantina stessa.
E' per questo che, se prima alcuni principi potessero tenermi a distanza da alcune realtà, oggi, invece, in tutta sincerità, mi incuriosiscono e mi spingono ad approfondire e ad appurare quanto quelle dinamiche influiscano su ciò, che alla fine dei conti, ha sempre ragione, ovvero il Vino!
Oggi vi porto nella bellissima Arezzo, che ho bazzicato molto negli ultimi 10 anni, vivendo a pochi km da essa, ma che, come capita spesso, ho frequentato poco in termini enoici. Ultimamente, però, sono riuscito a trovare diverse realtà, unite da un approccio bio-consapevole in vigna ed in cantina che mi hanno spinto ad assaggiare diversi Vini prodotti in questa zona, che a livello paesaggistico non è seconda a nessun'altra in Toscana. La cantina di cui vi parlerò è quella della Fattoria La Striscia.
la striscia arezzo cantina
Parlavo di “pregiudizi” perché qualcuno di voi al solo leggere che la padrona di casa della cantina La Striscia sia una famosa attrice italiana di cinema e teatro come Ilaria Occhini (dal curriculum impressionante) potrebbe pensare ad una semplice imprenditrice che da altri settori abbia deciso di convogliare le sue finanze in un progetto vitivinicolo come molti altri fanno, eppure non è così!
La Fattoria La Striscia è di proprietà della famiglia Occhini dal XVIII secolo, sorge sulle colline aretine a soli 900 metri dalle vecchie mura fortificate della città e si estende su una superficie di 14 ettari di vigneti esposti a sud – sud est ed iscritti alla DOCG Chianti. L’azienda vinicola le cui antiche origini sono documentate dall’iscrizione nel Registro delle Imprese già dal 1850, ha da sempre operato nel pieno rispetto del territorio conseguendo nel 2013 la certificazione biologica.
Eppure è solo grazie ad una sincera passione ed alla voglia di Ilaria Occhini, di sua figlia Alexandra e dei nipoti Caterina e Bernardino, che a partire dal 2001 l’azienda ha intrapreso una fase di rinnovamento che, mediante l’integrale reimpianto di tutti i vigneti 5500 piante per ettaro e l’adeguamento dell’antica cantina, ha dato vita ad un nuovo inizio fatto di lavoro, attenzione e rispetto.
La scelta di un approccio che alcuni definirebbero “naturale” deriva dalle radici della famiglia, che hanno sempre rispettato profondamente questo territorio e la terra in quanto tale, ma soprattutto proviene da una volontà ferma e convinta di conferire e, quindi ritrovare, identità e personalità di terroir nei propri vini.
Quindi niente chimica in vigna e fermentazioni sia alcolica che malolattica che avvengono in maniera naturale utilizzando i soli lieviti indigeni. Inoltre non viene adottata alcuna pratica enologica come stabilizzazioni e chiarifiche, cosa che per i rossi, specie base sangiovese io non reputo una scelta così azzardata, anzi..! Per i bianchi apriremmo diatribe eterne, legate alla possibilità di adottare un approccio del genere in ogni cantina, in ogni territorio e con ogni varietale, cosa che io credo andrebbe approfondita tramite studi seri e concreti.
Comunque passiamo ai Vini che ho avuto modo di assaggiare:

Bernardino 2015 Chianti D.O.C.G : 90% Sangiovese 10% Malvasia nera, Colorino ed un piccolo saldo di Merlot, tutto in cemento come piace a me! In primis devo dire di averlo trovato pulito al naso, senza storture di sorta ed il rischio poteva essere dietro l'angolo, ma in realtà il garbo c'è e si sente. Un Chianti a metà strada fra la tradizione (nella quale rientrano Colorino, Canaiolo e sicuramente anche la Malvasia) e la contemporaneità che vede sempre più la purezza aprioristica (non sempre giustificata) come dogma, che ha un senso ed una sua integrità nel bicchiere, grazie ad un buon equilibrio per un Vino che definire da pronta beva sarebbe denigratorio. Fresco, dinamico, addirittura intrigante nell'esaltare la naturale e leggera speziatura del Sangiovese. Si fa bere, senza tanti fronzoli e parla di sé, di com'è stato fatto e di dov'è stato fatto e per il Vino d'entrata di una cantina, che deve fungere da biglietto da visita, questo è tutto ciò che si possa chiedergli. Se dovessi abbinarlo ad una delle opere teatrali recitate dall'attrice Ilaria Occhini sceglierei di certo la commedia “Ciascuno a suo modo” di Pirandello, pionieristica visione di quella che è l'influenza dell'apparenza sulla realtà e viceversa, come il più classico dei cani che si mordono la coda, si instaura un rapporto bidirezionale fra chi guarda e chi recita, chi beve Vino e chi lo fa, che pone le basi per una concezione enoica che non può essere dedotta dal solo contenuto di una bottiglia, ma di tutte le giuste e desiderate (chi consciamente chi inconsciamente) suggestioni che nascono dalla conoscenza di una realtà, dalle parole di un produttore, dal momento in cui si assaggi quel determinato Vino con quella determinata etichetta, proveniente da quel determinato territorio. Mi piace la schiettezza con la quale questo Chianti si mostri per quel che è, quasi in contrapposizione con l'arte di cui Ilaria Occhini è maestra ed al contempo apprezzo il condizionamento che ho proprio nel ritrovare naturale bellezza e definita personalità sin da questo primo assaggio.
Occhini IGT Toscana Sangiovese: 100% Sangiovese (da un cru aziendale) vinificazione ed affinamento per un anno in tino troncoconico, tanto per darvi un dettaglio tecnico. Se nel Chianti il Sangiovese, meno selezionato, ma comunque ben lasciato libero di esprimere la sua indole, mi aveva colpito, in questo caso, pur attendendomi di più dal cru, resto stupito non solo dai sottili equilibri e dalla personalità di questa bottiglia, bensì dall'eleganza, suadente, sensuale eppur spontanea e naturale. Anche in questo caso non posso non apprezzarne la freschezza e la grande piacevolezza nel sentir scorrere dalla bocca al cuore un Vino che evolverà, forse in fretta, non so... ma che, nonostante l'annata non delle migliori per i rossi, si fa strada nei meandri delle mie emozioni e strimpella le corde giuste, quasi come mi conoscesse da tempo immemore. Come scrivo spesso io amo gli equilibri, in senso lato, ma amo anche l'adrenalina che l'equilibrista ha nel guardare giù, mentre cammina sul filo, illudendo il pubblico che stia per cadere, ma consapevole di aver tutto sotto controllo. La vigna ha spesso molta più esperienza dell'uomo e sa regalare sorprese anche là dove l'uomo potrebbe pensare di dover rimediare alle brutture e le sfortune di un'annata apparentemente negativa e quando la si lascia esprimere... la vigna... è in grado di trovare da sola i suoi equilibri, basta solo rispettarli nell'approcciarla e nel vinificare ciò che andrà a produrre. Questo non è e non deve essere un concetto ad esclusivo pannaggio dei vignaioli “naturali”, bensì di tutti coloro che ricerchino identità di terroir nei propri Vini. Con questo, ribadisco che ci sia una bella differenza fra concetti del tipo “faccio vino come lo faceva mio nonno”, “faccio il vino del contadino” o ancor peggio “io al mio vino non gli faccio nulla”... perché l'uomo è fondamentale in vigna ed in cantina, con le sue scelte e la sua interpretazione della propria terra e delle proprie uve.
Il discorso è sempre il solito e molto semplice: se si può evitare chimica e si può avere un approccio più rispettoso nel gestire la vinificazione, magari senza fare la lista della spesa presso i venditori di prodotti enologici e senza alterare in maniera chimica o pseudo-tale le naturali peculiarità organolettiche dei varietali, credo sia più che apprezzabile, l'importante è che tutto questo non diventi motivo di sterili diatribe e insensate prese di posizione, nei riguardi di approcci egualmente rispettosi, ma che per motivi di annata, territorio e varietali non potrebbero portare a termine vinificazioni sicure e di qualità adottando principi che non prevedano l'interpretazione di queste varianti da parte di chi fa Vino, sempre senza snaturarne l'essenza e l'integrità.
Ecco perché a questo Vino abbinerei un'altra opera recitata dall'attrice Ilaria Occhini, ovvero "Misura per misura" di William Shakespeare, che sembra prender spunto da un verso del vangelo secondo Matteo che racchiude per me molto della mia visione del Vino:
"perché col giudizio con cui giudicate sarete giudicati, e con la misura con la quale misurate sarete misurati".
Scusate la digressione, ma è fondamentale per me prendere spunto da realtà concrete, come quella de La Striscia, per porre le basi di un dialogo più aperto e costruttivo fra le varie branche enoiche che spesso, senza motivo, si scontrino. Io continuo e continuerò ad assaggiare Vini fatti con rispetto, secondo la mia individuale concezione di un termine che già da solo dovrebbe bastare a creare un disciplinare! In questo caso, devo dire che la genuinità dei Vini di questa cantina mi ha particolarmente colpito, soprattutto perché non ho trovato alcun difetto che potesse inficiare le mie sensazioni e le mie emozioni in degustazione.

F.S.R.
#WineIsSharing

martedì 25 ottobre 2016

Considerazioni estemporanee sulla comunicazione e la pubblicità del Vino

Si parla spesso di comunicazione del Vino, di "come farla", di "a chi affidarla", di quali siano i mezzi più indicati per sviluppare una rete comunicativa opportuna, efficace e concreta, ma si perde spesso l'orientamento, nei meandri delle varie posizioni presa da fazioni discordanti o semplicemente dalle varie categorie enoiche (produttori, media, appassionati e consumatore generico).
La confusione sorge quando la verità e l'accortezza di pochi, prende il sopravvento sulla realtà... mi spiego meglio... è palese e comprensibile che ci sia bisogno di una comunicazione enoica radicalmente migliore in termini di approfondimento dei macrotemi più sensibili come ad esempio i territori, l'approccio in vigna, le reali peculiarità delle diverse vinificazioni, ma ancor prima l'abisso che separi il grande brand dalla piccola cantina ed il lavoro in quanto tale che c'è dietro ad ogni bottiglia di Vino, il tutto - magari - senza discriminazioni di sorta.
tastiera tasto vino

Il Vino è di tutto, comunichiamolo a tutti!

Ciò che, però, a volte ci sfugge è che la stragrande maggioranza del Vino prodotto, compreso quello dell'azienda medio-piccola italiana (che sono la maggior parte), è acquistato e consumato da chi difficilmente ha una cultura enoica di base approfondita e non gliene possiamo di certo fare una colpa, dato che non tutti noi siamo esperti di formaggio eppure lo mangiamo ed ancor meno capiamo di pasta, nonostante sia l'alimento che consumiamo di più e con meno consapevolezza.

Parlare di Vino a quel 99,999... di consumatori che acquistano e bevono Vino considerandolo una semplice bevanda o ancor peggio una sostanza che porti all'ebbrezza, non è di certo semplice, non tanto per i contenuti che potremmo offrire, bensì perché è quasi impossibile arrivare tramite la carta stampata specializzata, ma persino tramite i wine magazines online ed i wine blogs.
Il perché è ovvio ed è relativo all'esclusività intrinseca ad una materia spesso sin troppo tecnica ed elitaria come quella enoica. Ciò che, però, pone il Vino in un assurdo assoluto è il fatto che questa esclusività poi cozzi completamente con i numeri dei consumi e con la normalità del ruolo del Vino nella vita della maggior parte delle persone (astemi a parte!), ovvero la sua fruizione quotidiana (o quasi) indipendente da ogni singola questione su cui io stesso mi affanni a disquisire un giorno sì e l'altro pure: diatribe sui vini "naturali", sulle certificazioni bio, mode insensate o correnti da seguire vedi anfora, vegan e derivati e forse, l'unica che avrebbe una reale attinenza con un bacino più generico di pubblico, ovvero l'etichetta del Vino.
In questo mondo di social-dipendenti, in cui lo smartphone è divenuto una appendice se non un diretto prolungamento del nostro corpo e della nostra persona, mi chiedo se non siano davvero quegli stessi social networks il modo migliore per cercare di arrivare ad un pubblico maggior di consumatori di Vino e - ripeto - non necessariamente appassionati, ma - magari - potenziali tali.
Io credo nella libertà di espressione e che la comunicazione sia qualcosa di meraviglioso, purché non sfoci nella disinformazione o nell'eccessiva superficialità che può portare ad incomprensioni di fondo così largamente distribuiti dal finire con il disinformare.
Credo che si possano utilizzare tutti i social e tutte i mezzi che essi ci mettano a disposizione, ma con equilibrio ed onestà, poi che si parli di potatura in termini prettamente tecnici o si facciano degustazioni leggere e di provi a far arrivare il Vino nella casa della massaia di Voghera, non importa, ogni contenuto avrà il suo pubblico ed avrà successo se sarà stato in grado di dare al target di riferimento ciò che stesse cercando. E' fondamentale, però, evitare di creare chiusure, muri e strade a senso unico, in quanto il Vino è un argomento troppo ampio e la sua comunicazione è troppo stratificata per pensare di poter aver una sola linea di contenuto. 
Poi, sia chiaro, io non mi sono mai posto l'obiettivo di arrivare a tutti e di certo continuerò per la mia strada nicchia o non nicchia, raccontando storie che per qualcuno potrannoe essere interessanti per altri meno, parlando spesso di Vini che anche volendo non arriverebbero mai al consumatore generico per via del nome poco altisonante e dei piccoli numeri e facendo approfondimenti su temi che, magari, saranno più interessanti per chi è dentro ed intorno al Vino e non per il consumatore occasionale, ma è giusto che qualcosa si faccia anche per allargare il pubblico rispetto a questi temi e credo che se ognuno, a partire dalle cantine stesse, si adoperasse per ampiare il proprio bacino di utenza in termini comunicativi, gioverebbe a tutti e ci sarrebbe molta meno polemica e molta meno disinformazione.
comprare vino online

La pubblicità del Vino

Ciò che è successo con l'ultima pubblicità di una nota catena di supermercati (che non citerò per non fare ulteriore pubblicità gratuita, ma che tanto, avrete capito quindi... è come se l'avessi fatto!) è esemplificativo di quello che non dovrebbe essere la comunicazione del Vino, ma anche di ciò che fior fior di agenzie di marketing reputano sia adatto ad un bacino d'utenza generalista, di consumatori italiani. Che succede in quella pubblicità? Molti di voi avranno pensato "ma come si fa ad abbinare un "Lambrusco", per di più con un prezzo vergognoso ed irrispettoso per chi il Vino lo produca con tutti i Santi crismi, con le ostriche crude?", ma nel marketing generalista nulla è lasciato al caso e se noi appassionati ed addetti ai lavori siamo balzati sulla sedia inorriditi o, forse meglio, siamo scoppiati a ridere ascoltando quelle parole, la percezione del consumatore quel promo non ha posto l'attenzione sull'assurdo in essere nell'abbinare un "vino" scadente ad un alimento di lusso dal costo proibitivo, bensì ha elevato in un istante quel "vino" scadente ad un livello che non gli compete. Quindi nella mente del consumatore quel vino sarà un affare, un'occasione da non perdere, perché le ostriche non le acquisterà mai, ma stappando quella bottiglia sarà convinto di assaggiare un prodotto che vanti qualità ben superiori a quelle deducibili dal suo prezzo. Dietro uno spot del genere, a prescindere dal testimonial, nulla è lasciato al caso e purtroppo noi ci perdiamo dietro giustissime osservazioni riguardanti il rispetto per il Vino, per i produttori e per tutto ciò che di bello c'è in questo settore, ma le nostre osservazioni, purtroppo, resteranno racchiuse in un fazzoletto, in una nicchia e sottonicchia di winelovers che in termini di numeri non conta nulla nell'ottica della gdo.
La cosa che mi fa rabbia, però è che se chiedi ad una medio-piccola realtà di fare uno spot ti risponde quasi stizzita, come se fare pubblicità al prodotto del proprio lavoro, al proprio territorio ed alla propria persona sia qualcosa di non compatibile col fare Vino... a mio parere, vi sbagliate! In Francia la pubblicità del Vino è a livelli stratosferici, in Spagna non ne parliamo (vi posto un video qui di seguito) e gli unici rimasti a non voler fare video-promo aziendali creativi, dinamici e spendibili più che in tv attraverso social e web, siamo noi italiani. Io non voglio un mondo del Vino intriso di markette, ma vorrei che non fossero solo le grandissime realtà a promuoversi in ogni dove, anche perché ora come ora i costi di produzione di una campagna pubblicitaria per il web, con video che fino a pochi anni fa ci sognavamo (droni compresi) sono davvero irrisori ed hanno un ritorno davvero importante. Creatività e spinta verso il futuro sono fondamentali per riuscire a promuoverci entro i nostri confini ed all'estero in maniera concreta e produttiva e credo che non ci sia mai stato un momento più opportuno di questo per farlo.
Conclusioni...
Ciò che sarebbe bello, per quanto difficilissimo, sarebbe arrivare anche a quelle persone e questo possiamo farlo solo tramite il web e tramite la televisione, ma cercando di costruire una rete dinamica che possa davvero entrare nelle case di molte più persone e se per far questo, occorrerà trattare alcuni argomenti in maniera più democratica e leggera, ben venga.
Io credo nello storytelling e nell'emozionalità del Vino perché sono certo che sia la via giusta per poter allargare la prospettiva della comunicazione enoica e spero davvero tanto, che tutti noi winelovers, produttori ed addetti ai lavori compresi, ci impegneremo a perseguire linee diverse, ma con l'obiettivo comune di far dismettere al Vino i panni di argomento per pochi eletti.
Come sempre la mia è solo la condivisione di pensieri estemporanei, dai quali prendere o meno spunto per fare ciò che si ritenga più opportuno fare.
Magari un giorno riusciremo a promuovere il Vino anche alle masse senza bisogno di abusare del corpo femminile e della stupidità maschile come nei casi qui di seguito.
50 sfumature di passerina
3 spot italiani ed uno austrialiano, forse quello meno volgare e più ironico, ma comunque tutti, a mio modo di vedere, offensivi per il Vino, ma ancor più per la Donna.

F.S.R.
#WineIsSharing

lunedì 24 ottobre 2016

A novembre il weekend più ricco di eventi enoici dell'anno

Novembre è, ormai, diventato uno dei mesi più densi di eventi legati al Vino, ma mentre tutti si stanno concentrando su Merano, io, invece, vorrei indicarvi un weekend in cui si sono concentrati 5 eventi, molto diversi fra loro, ma credo democraticamente interessanti, in quanto capaci di esprimere varie branche dell'enologia e della viticoltura italiane e filosofie enoiche molto variegate: dall'evento monovarietale sul Sangiovese, alle manifestazioni sul Vino "naturale", passando per il confronto esaltante fra i due più grandi vini-brand italiani e la kermesse legata ad una delle più important associazioni del mondo del Vino italiano. Insomma, ce n'è per tutti i gusti e per tutte le predisposizioni enoiche.
eventi vino
Il periodo in questione è il secondo weekend (lungo) di novembre, che proprio dopo il Merano Wine Festival, vedrà l'avvento di un'interessante serie di eno-eventi potenzialmente visitabili anche in sequenza, almeno nell'ordine dei primi tre, data la discreta vicinanza in termini di location.

Eccovi i 5 eventi del weekend più enoico dell'anno:

Sangiovese Purosangue - Siena 10-13 Novembre: ’Associazione EnoClub Siena rinnova l’appuntamento con il Sangiovese, con un evento che ormai si ripete da 5 anni, stavolta nel centro storico della nostra città.
In questa occasione, i luoghi fulcro dell'iniziativa saranno i due bastioni dell'Enoteca Italiana di Siena, grazie all'aiuto e alla disponibilità dell'Ente Vini. L'Enoteca Italiana è storicamente un centro chiave per la divulgazione della cultura del vino in Italia: qui è nato il Vinitaly ante-litteram, la cosiddetta “Mostra Mercato dei Vini Tipici”, con la prima edizione nel 1933. Ed è proprio adesso che questi spazi necessitano di un programma di riqualificazione e rilancio di alto profilo. Visto che si tratta di un'istituzione culturale della nostra città, ci è sembrata la strada giusta per concretizzare quel “fare sistema” che troppo spesso è solo politichese. --> continua qui --> www.sangiovesepurosangue.com;
Vino è - Firenze 12-13 Novembre: Oggi “Vino è” raccoglie i frutti dell’impegno e della passione che abbiamo investito, presentando una Fisar rinnovata nel rispetto della tradizione, in una location che unisce la Toscana, nostra patria d’origine, alla modernità di uno spazio iconico, la Stazione Leopolda, per accogliere e premiare il contributo di ogni socio, che grazie a delle agevolazioni dedicate, spero vorrà arricchire con la sua presenza e con la sua voce questo evento.
Un evento che per la prima volta apre al largo pubblico anche un momento solitamente esclusivo come il Congresso Nazionale, per presentarci e presentare nella massima trasparenza il mondo Fisar, i nostri obiettivi, le nostre competenze, le nostre attività, il nostro amore per il vino. Operatori del settore, appassionati o semplici curiosi: chiunque voglia scoprirci è il benvenuto! --> programma qui: www.vinoe.it;
Barolo-Brunello - Montalcino 12-13 Novembre: Una degustazione unica destinata, dopo il successo degli scorsi anni, a trasformarsi in un evento con più appuntamenti annuali arricchito di iniziative ed incontri legati al mondo del Barolo e del Brunello di Montalcino.
Anche in questa edizione 2016 parteciperanno gran parte dei produttori scelti nelle scorse edizioni
in modo autonomo e indipendente dal team di WineZone con l’inserimento di nuove interessanti aziende selezionate per questa edizione 2016, per un totale di cica 40 cantine. --> per programma ed elenco cantine visita --> www.barolobrunello.it;
VinNatur 2016 - Roma 12-14 Novembre: l’evento, organizzato dall’Associazione Viticoltori Naturali VINNATUR, raccoglierà nella capitale ben 75 produttori di vino naturale provenienti da 14 regioni italiane, dalla Spagna e da alcune rinomate zone vitivinicole francesi, quali Champagne, Alsazia e Roussillon. La suggestiva scenografia naturale del Parco dell’Appia Antica sarà il palcoscenico perfetto per accogliere questi vignaioli, donne e uomini, che mettono la natura al centro del loro mondo. Infatti, ciascuno dei produttori presenti ha scelto di coltivare le sue viti e di vinificare il suo vino senza l’aiuto della chimica, dicendo no a pesticidi e diserbanti, con l’obiettivo di produrre vino attraverso un’agricoltura sana e rispettosa dell’ecosistema e dell’uomo. --> continua qui --> www.vinnatur.org;
vignaioli naturali roma
Back to Wine - Faenza 13-14 Novembre: I vignaioli artigiani dell’Emilia-Romagna, insieme a numerosi colleghi italiani ed esteri, vi aspettano a Faenza per BACK to the WINE, Ritorno al Vino, Fiera di Faenza. --> info qui --> www.facebook.com/events.

Io, di certo, non mancherò nel prender parte ad almeno un paio di questi eventi, ma invidio chi riuscirà a farli tutti e cinque, dato che, a prescindere dalla filosofie ed pseudo-ideologie, ci sono cantine che apprezzo particolarmente, ma soprattutto produttori e vignaioli a cui tengo sinceramente, in ognuna di queste manifestazioni.
Buon divertimento! ;-)
F.S.R.
#WineIsSharing

domenica 23 ottobre 2016

Metti una sera... alla cieca! Il Vino lo porto io...

Continuo a viaggiare, a girare l'Italia del Vino ed a stringere mani... continuo ad incrociare calici con amici produttori e winelovers, ma sopratutto a conoscere sempre più a fondo questo tanto "assurdo" quanto meraviglioso mondo che è il Vino.
Si, non mi fermo, vado dove riesco ad assaggiare piccoli miracoli e grandi scommesse, fatti da persone che hanno visto in quella strana pianta, che sembra spesso aver un nonsoché di masochistico per quanto riesca a dare il meglio di sè sotto pressione, un'alleata fedele ed una compagna da comprendere, accudire, amare e rispettare... la vite.
Eppure, più vado avanti più mi rendo conto che ci sia qualcosa che non torni... ho fatto della condivisione un hashtag, un motto, un claim chiamatevolo come volete, ma in realtà per me è stato il principio di tutto e vorrei fosse la spinta inerziale anche per altri appassionati e potenziali tali.
Mi spiego meglio: io ho l'incurabile vizio di portare, ovunque vada, alcune bottiglie di Vini che ritengo curiosi da condividere ed assaggiare insieme ad altri appassionati ed addetti ai lavori e questo non è poi così strano, no? Quanti di voi, quando si presentano a casa di amici, non arrivano senza almeno una bottiglia alla mano?! Scommetto nessuno! Ciò che piace fare a me, però è leggermente differente e lo sono anche i contesti nei quali questi vini vengono stappati e condivisi, siano essi momenti di ritrovo tra winelovers organizzati a fini di "studio", o magari si tratti di un post-degustazione in cui, non pago di aver già assaggiato (solitamente) un ingente numero di referenze, ci tenga a mettermi alla prova ed a mettere alla prova in modo del tutto amicale e senza alcunché in ballo se non il piacere della condivisione e del mero gioco enoico, amici e colleghi.
Ovviamente, chi mi conosce sa quanto io tenga ad alcune dinamiche comunicative legate ai vitigni rari, alle realtà più piccole e sperdute nel "lato B del mondo", che al di là dei numeri hanno meno potenziale comunicativo, o magari di qualche cantina ancora in fase embrionale e nel 90% dei casi sono proprio queste le bottiglie che porto con me. Bottiglie che alcuni potrebbero definire "chicche", ma io amo definire i miei "Vini del cuore", anche perché chiunque potrebbe andarle ad asssaggiare o ad acquistare in cantina e chiunque potrebbe fare ciò che faccio io, probabilmente anche meglio, ma ciò che manca a molti è lo stimolo, oltre al tempo.
Fino a qui tutto ok, no? In realtà, quello che sto verificando, però, è che, fatta eccezione per cultori del Vino di rara esperienza e curiosità come quelli con cui ho la fortuna di condividere qualche assaggio ultimamente, il grande nome, la grande denominazione risultano essere ancora uno status symbol difficile da dismettere in maniera piuttosto trasversale, dall'ignaro novizio al più addentrato ed addestrato esperto.
Se questo, da un lato, è comprensibile, in quanto frutto del maggior potenziale in termini di numeri -e quindi di possibilità che le proprie bottiglie vengano stappate su più fronti anche in maniera più "democratica- e di comunicazione -la grande aziende vanta un maggior budget da destinare al marketing ed al branding ed ha spesso denominazioni già riconosciuti di loro come sostegno e valore aggiunto del proprio Vino-, dall'altro non può che dispiacermi che ci siano ancora dei rari portatori sani di bellezza, storia, qualità ed originalità relegati all'oblio dell'essere sconosciuti e rischiare di permanere tali vita natural durante, a causa di una visione ristretta del proprio "Io enoico" da parte dell'azienda e di un'impossibilità di base nel mostrarsi al mondo per ciò che valga.
Ecco perché mi piacerebbe continuare a girare per l'Italia del Vino ed organizzare ovunque mi trovi delle serate tra amici winelovers, in cui portare bottiglie da degustare alla cieca, condividerle e viverle in maniera empatica e sociale, senza tante paranoie e/o tecnicismi, ma semplicemente cercando di enfatizzare il potere corroborante del Vino e l'originalità di alcune realtà e di alcuni Vini.
Perché alla cieca? Perché condividere bottiglie senza sapere ciò che si stia effettivamente degustando ci libera da condizionamenti legati al nome, alla denominazione, all'annata e quindi ad un automatico riferimento mentale anche al costo di quella bottiglia e, credo, che questo sia il miglior modo per apprezzare il Vino e per emozionarsi sia prima che dopo aver "scoperto" ciò che si stesse assaggiando, ancor più che per un mera gara "a chi la indovini prima".
Nessuna battaglia, nessuna sfida, bensì un modo conviviale ed emozionale per dar libero andare a scrivere qualche capitolo extra della propria passione per il Vino e, per me, un'occasione per raccontare senza alcuno scopo prettamente promozionale, quei piccoli immensi micro-cosmi in cui nascono i veri "segreti" di cui parlava Salvador Dalì in uno degli aforismi sul Vino più citati di sempre.

Dunque, chiunque voglia organizzare cene tra amici winelovers e produttori (non c'è nulla di più divertente e costruttivo di assaggiare Vini diversi con un produttore, sia per me che per il produttore stesso) in giro per l'Italia, compatibilmente con i miei spostamenti per degustazioni o visite in cantina, sappia che il Vino lo porto io (gratis), con la possibilità, da parte di ognuno, di inserire qualche "intruso", ovviamente!
Credo che il compito di un wineblogger sia quello di assaggiare, scrivere, comunicare, ma anche e soprattutto di far parlare il Vino e di condividerlo con chi, magari, alcuni Vini potrebbe non incontrarli mai nell'arco dell'intera vita, non perché essi siano proibitivi a livello economico e neanche perché siano così rari da non poter essere reperiti, ma semplicemente perché sono meno conosciuti, perché prodotti da vignaioli e produttori che non avranno mai la "potenza di fuoco" delle grandi aziende per quanto concerne la comunicazione.
Per quanto riguarda, invece, i ristoratori che vogliano creare con questo concept una degustazione fuori dall'orario di apertura per conoscere nuove realtà e nuovi vini, sto preparando un concept proprio per voi, che - spero - porti sempre più Vini "ignoti" sulle carte dei vostri ristoranti e, quindi, nel cuore di tanti avventori appassionati e non.

F.S.R.
#WineIsSharing

giovedì 20 ottobre 2016

Santa Liberata - Chianti al "naturale"

Dato che in questi giorni si senta parlare tanto di "biologico" in senso negativo e che io stesso negli ultimi anni (come penso centinaia se non migliaia di altri comunicatori in Italia e nel mondo) mi sia espresso più volte scettico e titubante per usare due eufemismi, ho deciso di riportare un po' di equilibrio scegliendo di parlare di una Cantina che a parer mio fa bio come si deve, a prescindere dai dettami di una lacunosa ed opinabile certificazione, ma soprattutto vede nella naturalità delle decisioni e dell'approccio in vigna ed in cantina non un mero e, spesso, fumoso elemento di marketing, bensì una scelta correlata alla volontà di esprimere a pieno la propria identità peculiare.
wine blog vino naturale
Parlo dell'Azienda Agricola Santa Liberata, fondata nel dopoguerra da Agostino Tamburini padre dell’attuale, titolare Marisa Tamburini. Situata interamente nel territorio di Cerreto Guidi.
Da sempre la politica aziendale è stata quella della valorizzazione del territorio, attraverso l’uso di vitigni autoctoni che permettessero di avere un prodotto unico, non riproducibile altrove, potendo così riscontrare elementi reali di terroir in ogni singolo Vino prodotto. 
Come mamma Toscana vuole i varietali coltivati sono: Sangiovese, Canaiolo e Colorino per i rossi e Trebbiano (con a breve Malvasia bianca) per i bianchi.
L'idea dell'azienda è quella produrre Vini di qualità, non artefatti e pienamente democratici, non elitari nel gusto e nel costo, 
L'interpretazione bio che si è adottata a Santa Liberata è la seguente:  niente concime di alcun genere, bensì sovesci; non solo rame e zolfo, ma anche prodotti quali alghe, estratti di piante, essenze vegetali e oli agrumati per la lotta alle principali patologie della vita e comunque attenzione massima verso una riduzione dei trattamenti al minimo; in cantina niente lieviti selezionati o additivi chimici, ma solo fermentazioni spontanee; durante i travasi viene utilizzato l'azoto per evitare l'uso dei solfiti, che vengono limitati anche al momento dell’imbottigliamento (70mg/l di solforosa totale). A prescindere dalla filosofia produttiva di ognuno, è inutile discutere, se una Cantina riesce a fare Vini stabili e piacevoli, senza storpiature e storture di sorta, con il minor impatto possibile ben venga, no?!
Ora, però, viene il bello... vi racconto le mie sensazioni riguardo i due Vini che ho avuto modo di assaggiare, prodotti da Santa Liberata:
Chianti Santa Liberata 2015 DOCG: sapete bene che io faccia dell'equilibrio rispetto certe questioni dialettiche-enoiche un valore imprescindibile del mio essere winelover e del mio scrivere da wineblogger e che non ami la definizione "vino naturale" in quanto abusata e perché possa indurre confusione nel consumatore occasionale... detto questo, la naturalità di questo Chianti è apprezzabile, vuoi per la vinificazione totale in cemento, compreso il non troppo prolungato affinamento, vuoi per l'espressività del Sangiovese, incentivata e sostenuta dagli amici fraterni Colorino e Canaiolo. Un Vino pulito, che non ha sporcature né al naso né al sorso che è fresco e dinamico, con tanta voglia di raccontare la terra dalla quale proviene ed il suo percorso dalla pianta al bicchiere, in un'ottima annata, capita ed interpretata con grande rispetto e saggezza. Un Chianti per tutti, ma al contempo una chicca per chi ne sappia cogliere l'essenza viva e spontanea. Una di quelle Donne che non hanno bisogno di truccarsi troppo per essere belle... insomma, di quelle che la mattina al risveglio sono ancor più belle che la notte prima di addormentarsi.

Colombaia IGT Toscana Bianco Trebbiano 2014: se per i rossi la 2014 a Santa Liberata non ha reso possibile una produzione all'altezza delle aspettative e della volontà del produttore, questo Trebbiano va très bien sia dal punto di vista aromatico, che della struttura, il tutto, ancor più che per il Chianti, solcato da una traccia evidente e lineare di freschezza e mineralità, con quelle eleganti note ossidative, che io apprezzo molto e che danno carattere e personalità ad un bianco prodotto con un varietale sin troppe volte snobbato, specie in Toscana, ma che in realtà è portatore sano di tutto ciò di cui io ora come ora ho un bisogno quasi patologico, ovvero bell'acidità e sapidità, anche in terreni non estremamente ricchi di calcare attivo.
Se il Chianti l'ho personificato dandogli le connotazioni di una bella Donna acqua e sapone, questo Trebbiano mi fa pensare al sabato nel villaggio, con la Leopardiana immagine, forte ed identitaria, della Donzelletta che vien dalla campagna in sul calar del sole, ma in mano non porta il suo fascio d'erba, un mazzolin di rose e di viole, bensì un cesto di agrumi e l'odore del mare fra i capelli.

Una bella realtà, specie per il Chianti che necessità di boccate d'aria fresca come questa, di una conversione non solo sulla carta delle certificazioni, ma soprattutto nel modo di rapportarsi al proprio meraviglioso territorio, di terroir in terroir, di mente in mente, di cuore in cuore.
Da apprezzare la profonda umiltà con la quale questa Cantina si è proposta a me si propone agli appassionati, senza ostentare la propria filosofia come fosse un mero motivo di vanto, altresì facendone un veicolo di valori fondamentali come l'identità territoriale ed il rispetto.

F.S.R.
#WineIsSharing

mercoledì 19 ottobre 2016

Una fontana di vino gratis in Abruzzo?

Anche oggi, come sempre, al mio risveglio mi ritrovo a dare un'occhiata veloce alla rassegna stampa enoica internazionale e mi imbatto in una serie di articoli provenienti da ogni parte del mondo su qualcosa di curioso che sta avvenendo nel nostro paese e più precisamente a Villa Caldari di Ortona, in Abruzzo.
I titoli recitano più o meno tutti così:
"Fontana del del vino in Italia"
"Il sogno di tutti i winelovers, una fontana di vino gratuita in Italia"
"La fontana dalla quale sgorga vino in Italia"
Beh, non fatevi prendere troppo dall'euforia, in quanto se all'estero la cosa può aver fatto scalpore, in realtà ciò che sta avvenendo in Abruzzo è qualcosa di già visto e la matrice della nascita di questa fontana, dalla quale sgorga davvero vino "gratuitamente", è quella religioso-spirituale, proprio come accade da anni ad Estella per la fontana delle cantine di Irache, lungo il cammino di Santiago de Compostela. Quindi, devo ammettere, di nona aver trovato di buon gusto il taglio che molti media stranieri (gli italiani, per fortuna, sono stati molto più equi e rispettosi) hanno dato alla notizia, come se si trattasse di una fontana miracolosa per qualsiasi avventore voglia andare a far scorta di vino gratis... ma giustamente messa così fa più notizia, no!?
Tra l'altro in Italia esistono altre fontane del vino, temporanee, ma questa, proprio per motivi legati al pellegrinaggio lungo il cammino di San Tommaso, rimarrà "sempre" fruibile. Per quanto riguarda il progetto della fontana del vino di Villa Caldari è stato realizzato dell'Arch. Rocco Valentini, su iniziata dei promotori del cammino di San Tommaso Dina Cespa e Luigi Narcisi, in collaborazione con Cantina Dora Sarchese
Dubito che quella della fontana sia stata una mera iniziativa di marketing, nonostante la grande eco mediatica che questa notizia stia avendo in Italia e, soprattutto, all'estero ed anche se fosse, ben vengano idee che riescano a "sfruttare" lo spirito di coesione e di convivialità che solo il vino sa infondere, per promuovere località poco conosciute e percorsi turistici profondamente radicati nella storia, nella cultura e nell'aspetto spirituale di un territorio e del nostro paese.
Ma per chi è stata creata questa fontana del vino? Come già accennato, l'idea, proprio come quella spagnola, è di permettere ai numerosi turisti e pellegrini che percorrono i 310 km del cammino di San Tommaso - che corre tra Roma e Ortona - di rifocillarsi non solo con acqua e viveri, ma anche con un sano bicchiere di vino, simbolo della buona compagnia e dell'italianità.
Ovviamente i promotori dell'iniziativa ci tengono a chiarire che la fontana non sia stata istituita per "farabutti ed ubriaconi" e confidano nel buonsenso comune, sta di fatto che sono già migliaia i turisti che hanno avuto modo di colmare il proprio calice di vino abruzzese e sono certo che ne conserveranno un buon ricordo una volta rientrati nel proprio paese.
So che molti di voi vorrebbero una fontana del genere nella piazza della propria città, magari con varie opzioni di scelta, ma non ci sperate... per ora dovrete "accontentarvi" di quella abruzzese e non vi nego che la curiosità di andare a vedere cosa accade intorno a quella fontana sia decisamente tanta. Il vino è da sempre un corroborante sociale ed al di là dell'aspetto spirituale, mi affascina molto l'impatto che questa fontana abbia avuto sull'opinione pubblica globale ed ancor più quello che, di certo, avrà su chi si ritroverà a sorseggiare il proprio vino insieme ad altri viaggiatori.

F.S.R.
#WineIsSharing

martedì 18 ottobre 2016

Un distillato di passione, sacrificio e famiglia - La Grappa dell'Antica Distilleria Castelli

Mi ero imposto anni fa di scrivere in questo WineBlog solo di ciò su cui fossi preparato, ma dato che non si smette mai di imparare e che in fondo in fondo, anche di Vino non è che sappia poi molto, oggi ho deciso di fare una piccola digressione, aumentando la gradazione delle mie parole e dell'argomento trattato, parlando di qualcosa che vien pur sempre dalla medesima materia prima del Vino: la grappa.
Che la grappa sia un distillato di vinacce di uve prodotte in Italia (e nelle Svizzera italiana) credo lo si sappia, ma dato che a me le nozioni piacciono poco e la storia mi piace ascoltarla, piuttosto che raccontarla, ho deciso di dar spazio ad una persona che la grappa l'ha vissuta e la vive ogni giorno, insieme alla sua famiglia e non aspettatevi la grande distilleria, il nome altisonante, bensì un micro-distillatore che non solo distilli vinacce, bensì anche la sua anima ed il suo impegno goccia dopo goccia: Sergio Castelli dell'Antica Distilleria Castelli di Cortemilia (Cuneo).
Sergio doveva fare il geometra, ma negli anni '80 non era semplice poiché si doveva sottostare a delle regole molto severe di apprendistato, così nel 1985 poco più che ventenne decise, per la gioia del suo papà di restare a casa. Tra Sergio e suo padre c'erano ben 48 anni di differenza, ma quello che potrebbe sembrare un abisso temporale è stato invece un tesoro prezioso per lui, che se lo è tenuto vicino a regalargli consigli, aneddoti e massime che ancora oggi ricorda con trasporto ed emozione. Non mancavano le liti, come tra la maggior parte dei padri e dei figli che lavorino insieme, ma una cosa li univa e questa era la grappa, che il padre di Sergio iniziò a produrre da autodidatta, con non poco sacrificio ma anche con grande lungimiranza, iniziando prima con le vinacce della valle Bormida, ma con poco successo anche per la scarsità della materia prima, per poi dirottare la ricerca dei fornitori verso Alba, riferendosi a persone e cantine che hanno iniziato a dargli fiducia. Fu nel passaggio ad Alba che il padre di Sergio capì come procedere per la scelta delle preziose vinacce ed oggi Sergio adotta lo stesso metodo, ovvero quello di non stancarsi mai di chiedere nei posti migliori del vino, in quanto il legame tra Vino e Grappa è imprescindibile. Mai abbassare la guardia, però – mi confida Sergio – in quanto se dovesse trovare anche una sola mela marcia, quel fornitore andrà escluso per gli anni a venire.
La lungimiranza del padre di Sergio, però, non si è palesata solo nella scelta della materia prima, ma anche e soprattutto nell'aver acquistato quello che a detta di Sergio fosse il miglior impianto dell’epoca, tanto da essere ancora oggi validissimo. Si trattava di un impianto costruito, senza tante smancerie, da Padovan di Conegliano Veneto e Sergio non lo cambierebbe per nulla al mondo.
Ho fatto alcune domande a Sergio ed alla sua famiglia e le sue risposte sono state così franche e spontanee che parafrasarle mi sembrerebbe come alterarle e privarle della loro essenza, quindi le lascerò pressoché invariate, con un minimo di sintesi:
"Riguardo la manutenzione me la faccio da solo con l’aiuto di mio figlio e mia moglie, volendo anche per risparmiare denaro ma più che altro perché loro mi fanno quello che gli chiedo, e in questo ci vuole tanta pulizia e fatica e non pulire con prodotti chimici, bensì con delle pagliette , acqua calda e olio di “gomito”! L’impianto è fatto tutto di rame come voleva la legge una volta e ha volte bisogna sostituire qualche pezzo per l’usura e questo mi tocca eseguirlo personalmente perché non si trova più nessuno che te lo faccia! Ho un mio ex-compagno di scuola che a volte mi da una mano con i “rappezzi”, ma devo sempre stare attento che il vapore alcolico abbia lo stesso percorso perché serve per separare la parte buona (cuore) dagli scarti (testa e coda).
La scelta delle vinacce è semplice come bere un bicchier d’acqua, o meglio di grappa: deve essere fresca e limpida. Con i piccoli numeri che facciamo noi posso permettermi di fare una piccola cernita dei fornitori e cioè chi me la dà fresca e profumata bene, se invece per vari motivi fanno i furbi, senza fare tanta cagnara li scarto e l’anno dopo me ne cerco altri. La vinaccia è alla base di tutto e ne va apprezzata per prima la freschezza e con questo intendo appena torchiata, e poi chi in vigna ed in cantina abbia lavorato bene, ma attenzione, anche se si è scelta la miglior vinaccia non è detto che la grappa venga bene, difatti io uso sempre una massima di mio papà:-“Quando vuoi fare il minestrone prima vai nell’orto a prendere la verdura e scegli già la più bella poi vieni in casa la metti nel lavello per pulirla, mondarla e scarti ancora qualcosa e poi vai in pentola, ma non è ancora detto che venga buono!” e la grappa (artigianale) è la stessa cosa!
Le grappe che faccio abitualmente sono di moscato, dolcetto, arneis, nebbiolo.
Arneis e nebbiolo sono di natura un po' secche e le altre due un po' più morbide, ma sempre gola e palato puliti senza sentori di aspro.
Mi viene da ricordare un passaggio che ancora oggi incide sui tempi di distillazione, in quanto mio papà acquistò l’impianto 1967, nuovo di pacca dall'Agenzia delle Dogane di allora e l'U.T.I.F. non veniva a chiudergli l’impianto per iniziare la campagna di distillazione. Sono venuti poi a marzo dell’anno successivo, dandogli modo di iniziare a distillare e da allora ci siamo presi l’abitudine di distillare sempre nella primavera successiva. Col tempo ci siamo accorti che la cosa aveva un suo perché, in quanto rimanendo a riposare tutta assieme la grappa si amalgama in un corpo unico e poi se c’è quella che deve finire la fermentazione nei 3-4 mesi a venire riesce a svolgere i zuccheri dell’uva. Cosa molto importante, l’impianto è automatico dunque grossi lavori non ne necessita, ma va comunque seguito bene tutti i giorni della distillazione per avere la certezza di ottimo esito dell’operazione e così l’unica soluzione che ho è che io mia moglie e mio figlio facciamo i turni (l’impianto gira 24 ore)."

Oggi l'azienda è passata dalle 40mila bottiglie alle 20mila per via di dinamiche di mercato avverse, ma riesce a commercializzare direttamente le proprie etichette con grande soddisfazione ed io stesso ho avuto modo di assaggiare le varie espressioni della Grappa Castelli, godendo di un prodotto che sin dal primo naso vanti qualcosa di speciale e prettamente artigianale.
Sarà un condizionamento? Sarà una sinestesia indotta dalle parole di Sergio? In realtà no, perché anche per me che amo essere condizionato in termini emozionali dalle storie dei produttori, questa volta è stato diverso. Ho assaggiato tutto senza voler aver alcuna informazione riguardo la distilleria e già scrissi in tempi non sospetti quanto quelle grappe mi dessero sensazioni decisamente diverse dal solito, in quanto finalmente in ognuna di essere riuscissi a scorgere nitido il varietale delle vinacce, ma senza alcun eccesso o sovrastruttura.
Non mi metterò a descrivervi grappa per grappa come solitamente faccio con i Vini, perché, per quanto ami questo distillato e abbia avuto modo di assaggiarne in quasi ogni parte d'Italia, credo che la cosa più importante sia stata poter condividere con voi le parole di Sergio e la sua storia. Sono certo che assaggiandole vi renderete conto di quante sfumature si possano arrivare ad ottenere e quanto incida la scelta delle vinacce. Capita spesso di assaggiare grappe distillate per conto di produttori e messe in linea direttamente dalle cantine, ma scoprire una realtà che viva solo di questo mi ha davvero emozionato.


F.S.R.
#WineIsSharing

Elenco blog personale