mercoledì 16 agosto 2017

Il Marsala può uscire dalla "crisi"? Intorcia e Martinez ci credono!

Durante il mio ultimo viaggio in Sicilia ho sentito la necessità impellente di andare a Marsala al fine di cercare di comprendere lo stato della DOC più antica d'Italia e di un vino che sta vivendo da anni una crisi profonda.
Una crisi, quella del Marsala, dovuta a diversi fattori storici, culturali ma soprattutto legati alla latitanza di un Consorzio che avrebbe dovuto tutelare il capostipite di tutte le doc italiche, mentre si è lasciato morire senza tentare di reagire al palese momento di difficoltà di questo grande vino liquoroso siciliano.
vino marsala crisi
Parlando con giovani produttori che credono ancora nel rilancio del Marsala e con chi ha visto nascere, crescere e morire il Consorzio di tutela, si evince che la crisi sia dipesa principalmente da 5 fattori (oltre a svariati altri):
  • La produzione di prodotti fuorvianti e di scarsa qualità a partire dagli anni '70, che ha danneggiato il posizionamento del Marsala sia in termini economici che nella percezione del consumatore. Basti pensare ai vari "Marsala all'uovo" (che di Marsala hanno ben poco!), nonché alla promozione del Marsala più per l'utilizzo in cucina e pasticceria che come vino da bere;
  • La poca predisposizione di alcune grandi aziende a salvaguardare la qualità del Marsala e quindi l'impossibilità di avere una massa critica importante e di livello in Italia e nel mondo;
  • La negligente gestione del Consorzio e la sua cessazione;
  • Il trend globale e nazionale che vede i vini liquorosi e fortificati avere vita davvero difficile in termini di appeal e quindi di vendite;
  • Non ultime, in termini di importanza, le vicissitudini delle Cantine Florio, che negli ultimi 100 anni hanno vissuto fasi a dir poco altalenanti, ma che ancora oggi possono e devono fungere da motore per il rilancio del Marsala (per importanza del brand, per massa critica produttiva e per quantità di enoturisti ricevuti ogni anno nella propria struttura sono ancora oggi il riferimento primario in Italia e nel mondo).
Sia chiaro, queste sono solo alcune delle problematiche che stanno rischiando di “estinguere” un pezzo di storia enoica italiana, ma per fortuna c'è chi crede ancora nel rinascita del Marsala.
Se il primo a credere profondamente in una produzione di Marsala di alta qualità è stato Marco de Bartoli (con l'innovazione da un lato e la scelta di tecniche come il metodo soleras più comuni ai cugini del Madeira), oggi ci sono altre aziende che lavorano per riportare in auge questo grande vino. Io ho scelto di visitare e di approfondire la conoscenza di due realtà molto diverse fra loro, eppure con la stessa propensione alla preservazione dei valori intrinseci alla storia del Marsala e ad una produzione di grande qualità: Intorcia e Martinez.

Intorcia - Heritage

Partiamo da Intorcia, realtà fondata nel lontano 1930, dall'omonima famiglia che negli anni è diventata un punto di riferimento in Italia e nel mondo per il Marsala di qualità.
La cosa che più di tutte mi ha spinto a visitare questa cantina è la presenza in azienda di un giovane che da anni si batte per comunicare il Marsala in modo contemporaneo, ma senza mai dimenticarne le origini e, soprattutto, senza snaturarne le qualità. Parlo di Francesco Intorcia, detto Ciccio per amici e colleghi produttori, creato e fautore del progetto “Heritage”. Un progetto che prevedeva la nascita di una linea di etichette votate alla qualità e realizzate al fine di lanciare un messaggio forte di attaccamento al territorio e ad un'eredità così antica e preziosa da sentire forte il dovere di preservarla.
Intorcia - Heritage
C'è un aspetto che mi ha colpito particolarmente del progetto Heritage e rappresenta una rarità nel mondo del Marsala, che un po' come accade per il Porto non prevede, storicamente, vigneti di proprietà da parte dei produttori (se non in piccola parte), ovvero la volontà di Francesco di riappropriarsi dei vigneti di famiglia e di acquisirne altri, per ripartire proprio dalla vigna. Una cosa che reputeremmo quasi normale, consueta, se si trattasse di altre denominazioni e di altre tipologie di vini, ma che per Marsale e per il Marsala rappresenta l'ennessimo forte messaggio lanciato da questa realtà, che crede fermamente nel potenziale della propria terra, delle proprie piante e delle proprie uve (Grillo in particolare).
Le tipologie di Marsala sulle quali Intorcia sta puntando sono il “Vergine”, il “Dolce” ed il “Semisecco”, ma sono le Riserve Vintage come la 1980 ad aver fatto fare il salto di qualità all'azienda, tornando ad accostare il Marsala ai più quotati cugini del Porto.
Vi basterà recarvi al Vinitaly presso lo stand tanto voluto da Francesco Intorcia per rendervi conto di quanto sia forte la volontà dell'azienda di rompere gli indugi e dissolvere i preconcetti legati a questo vino, tramite Master Class con degustazioni approfondite ed abbinamenti di alto profilo per comprendere il reale potenziale di ogni tipologia di Marsala, anche come aperitivo o a tavola.
Un lento processo di innovazione comunicativa e di rinnovamento mentale che va di pari passo con un forte attaccamento alla tradizione ed alla storia di questo vino e di questo territorio che Francesco sta cercando di velocizzare con idee giovani e dinamiche, ma mai eccessive.
Come molte realtà anche Intorcia ha dovuto ricorrere alla produzione di vini da tavola, ma anche in questo caso Francesco ha voluto creare due linee votate alla qualità ed alla massima espressione del territorio sia nei Vignemie Perricone e Grillo che nei due Perpetuo base Nero d'Avola e Grillo. Per chi non lo sapesse il Perpetuo è un vino è prodotto con una tecnica di affinamento in uso prima dello sbarco degli inglesi e base per la successiva produzione del Marsala che prevede la ricolma di botte contenente una cuvée delle migliori annate e l'imbottigliamento di parte di quella cuvée, mentre la restante attenderà la nuova (purché valida) annata per essere ricolmata.
Se tra i Marsala quelli più emozionanti, per me, sono stati il Marsala Vintage Riserva 1980 Vergine Secco nella sua infinita complessità ed il Vintage 2014 Rubino Superiore nella sua immediata e profonda piacevolezza, tra i vini igt il Grillo Vignemie si è volatilizzato in pochi minuti durante il pranzo e credo non serva dire altro.

Martinez

La seconda azienda di cui vorrei parlarvi è la Cantina Martinez, altro tassello del meraviglioso mosaico della storia del Marsala, ormai in parte sbiadito, ma che in parte sa ancora far valere la sua unica bellezza. L'azienda prende il nome dalla famiglia che l'ha fondata e nello specifico da Carlo Martinez, intraprendente palermitano che investì in questa impresa, intuendo le grandi potenzialità commerciali del Marsala.
Cantina Martinez
Nata nel 1866, la Cantina Martinez è una delle poche aziende storiche rimaste “in piedi” senza grandi sconvolgimenti aziendali, bensì con un grande equilibrio fra tradizione ed innovazione. L'azienda ha conferitori storici, come da tradizione, mentre tra le cose che la rendono una cantina molto attuale c'è una particolare attenzione all'enoturismo e, quindi, ad aprire le porte del proprio baglio di oltre 6000mq agli appassionati avventori. Nei locali del baglio, da poco ristrutturato, si possono ammirare ancora le botti disposte a criaderas (qui si pratica in parte il metodo soleras), strumenti utilizzati nella produzione del Marsala nel corso dei decenni e, soprattutto, le monumentali botti di affinamento. Questo aspetto, non così comune a Marsala, permette alla Martinez di veicolare in modo diretto la storia della propria realtà, ma anche quella del vino liquoroso più importante d'Italia.
Inoltre, Laura Doro, nipote degli attuali proprietari e responsabile della comunicazione aziendale, nell'accogliermi ha mostrato un trasporto viscerale nei confronti del Marsala e dell'azienda di famiglia che non ha eguali. Reputo questa passione fondamentale se si vogliono davvero cambiare le cose!
A testimonianza della volontà di Laura e della sua famiglia di dare una svolta all'azienda ed al Marsala c'è il suo ingresso nell'associazione tutta al femminile denominata Marsala Ladies che vede coinvolte altre note cantine nelle persone di Alexandra Curatolo, Giuseppina De Bartoli e Maria Chiara Bellino (Pellegrino). L'associazione Marsala Ladies nasce con lo scopo di promuovere la cultura del Marsala in Sicilia, in Italia e nel mondo con un approccio moderno e crossmediale. Altro sintomo della forte volontà delle nuove generazioni di ridare linfa vitale al Marsala.
Marsala Ladies
E' sempre grazie a Laura che ho modo di fare un rapido ed esaustivo ripasso della storia del Marsala ed in particolare del metodo di produzione e del disciplinare. E' proprio per questo che condivido con voi due schede realizzate proprio da Martinez per comunicare in modo sintetico e comprensibile le peculiarità produttive del Marsala:
Processo produttivo del Marsala
Disciplinare e Classificazione del Marsala
Tornando all'azienda Martinez, i vini assaggiati sono risultati tutti molto tradizionali e di qualità, specie il piacevolissimo Superiore Garibaldi Dolce e il Marsala Vergine Riserva 1995, secco ed equilibrato, con una lunga vita davanti e tanta complessità in divenire. Importanti sono le evoluzioni che piano piano si stanno apportando al packaging dei vini (solitamente non è un dettaglio di cui mi piace parlare, ma anche questo aspetto sarà fondamentale per svecchiare l'immagine del Marsala), ma soprattutto ad alzare l'asticella sarà l'uscita sul mercato di alcune riserve di annate storiche che, come per il progetto Hermitage di Intorcia, mirano ad un posizionamento più consono a vini di così grande longevità e complessità.
Nel caso dell'azienda Martinez, a differenza di molte altre realtà del marsalese, la scelta è stata quella di non prodigarsi nella produzione parallela di vini da tavola o comunque vini secchi non fortificati, continua però quella dei passiti liquorosi e dei vini da messa (mercato importantissimo per le realtà marsalesi).
Vini Marsala Martinez
In conclusione, posso confidarvi che dalla mia visita ho tratto conclusioni contrastanti che mi vedono perplesso nei confronti dell'intero "movimento Marsala" in quanto le grandi aziende non sembrano minimamente interessate a riportare in auge questo prezioso vino, ma d'altra parte sono molto fiducioso in queste due aziende in particolare ed in altre più propositive cantine, in quanto è palese che la strada intrapresa sia dura, ma percorribile. Sono certo che sia Intorcia che Martinez, seppur per vie diverse, stiano facendo e continueranno a fare tantissimo per il Marsala ancor prima che per le proprie imprese e questo fa loro onore. Io, da par mio, spero che molti di voi possano tornare a bere Marsala e, magari, a visitare queste aziende in loco per rendersi conto della grandezza della storia e della qualità di questo vino immortale.


F.S.R.
#WineIsSharing

Elenco blog personale