mercoledì 1 agosto 2018

Riserva della Cascina - Il Lazio che mi piace dalla vigna al bicchiere

All'inizio di questo strano 2018 mi ero ripromesso di dedicarmi più assiduamente alle regioni che nella scorsa annata non ho avuto modo di seguire a dovere. Tra di esse c'è sicuramente il Lazio, regione difficile, nella quale ho sempre fatto un po' di fatica a trovare realtà in linea con il mio gusto e la mia idea di viticoltura ancor prima che di vino.
La parte più interessante di chi fa “wine scouting”, però, è proprio quella di andare a cercare e ricercare cantine e vini in grado di sorprendere in territori inattesi.
E' proprio così che ho incontrato i vini di Riserva della Cascina, curiosando tra le piccole e rispettose aziende vitivinicole laziali e iniziando a seguire con occhio attento il lavoro della giovane vignaiola Silvia Brannetti e della sua famiglia.
riserva della cascina lazio cantina
Riserva della Cascina è il toponimo della tenuta in cui giacciono i vigneti aziendali come riportato sulle antiche mappe catastali dell’area: il terreno si trova in zona Fiorano, con entrata sulla via Appia Antica, una strada che ha 2000 anni, disseminata di rovine Romane. Un posto molto suggestivo ad appena 10 km dal Campidoglio.
vigneti vulcanici lazio
Una storia legata a doppio filo alla viticoltura, che vede il bisnonno e il nonno di Silvia avviare la sua avventura come vignaioli e produttori di vino sin dagli anni del dopoguerra.
All’epoca il vino di questa zona si vendeva sfuso, come in molte altre parti d'Italia, e la produzione si riversava tutta nella Capitale. La svolta, probabilmente, avviene con l'entrata di Pino, padre di Silvia, nell’attività di famiglia, ma è nel 1994 che Riserva della Cascina acquisendo la certificazione biologica, lancia un segnale importante nel volersi distinguere per rispetto e qualità dalla vigna al bicchiere. A prescindere dalla certificazione, sin dai primi anni di produzione vitivinicola la conduzione agronomica della famiglia Brannetti è stata oltre i principi del biologico, preservando così il terreno e le piante stesse grazie al completo diniego dei prodotti chimici di sintesi.
vigneti lazio malvasia puntinata
E' così che nel 1999 Pino inizia a mettere in bottiglia il suo primo vino, un bianco da uve Malvasia Puntinata, Malvasia di Candia e Bombino Bianco. Poi il primo rosso, da uve Sangiovese, Montepulciano e Merlot, ed entrambi hanno avuto un bel successo da subito, anche grazie alla possibilità di vendere i vini direttamente nello storico negozio dove i nonni avevano iniziato a vendere il proprio vino sfuso.
Fino ad ora, però, vi ho parlato dei passi compiuti dai soli di uomini della famiglia e della loro pragmatica importanza nell'economia di questa azienda, eppure è grazie alle donne che Riserva della Cascina ha acquisito una notorietà inaspettata tra noi curiosi cultori enoici. Parlo di Daniela, moglie di Pino, che si occupa della commercializzazione dei prodotti e degli aspetti prettamente amministrativi e, come accennato poc'anzi, di Silvia, giovane vignaiola che, nonostante abbia conseguito un dottorato di ricerca in matematica, ha sentito forte il richiamo della terra e del “fare” entrando in azienda nel 2011.
Dopo un congruo periodo di assestamento, oggi, Silvia si occupa della cantina e quindi delle vinificazioni con un approccio che attinge alla razionalità matematica nella pulizia e nella concretezza ma, usando un termine basico di questa disciplina, predilige la sottrazione all'addizione.
La pulsione della passione si fonde con la ragione e l'attaccamento a questa terra si coniuga al meglio con una crescente consapevolezza tecnica.
Diciamo che Silvia sa sporcarsi le mani usando la testa, seguendo i principi del rispetto e della salvaguardia dell'identità e questo la rende il prototipo della vignaiola contemporanea.
silvia brannetti vignaiola
La peculiarità dei vigneti aziendali è, senza dubbio, la fortuna di giacere su suoli vulcanici, con una forte componente basaltica, ideale per la viticultura e in particolare per la produzione di grandi bianchi. A conferma di ciò c'è la condivisione di questa stessa matrice vulcanica con i vigneti dai quali la storica azienda Tenuta di Fiorano dei Boncompagni Ludovisi produceva il noto Fiorano Bianco.
E' proprio dal bianco prediletto da Silvia che partirò nella consueta condivisione delle mie impressioni enoiche sugli assaggi fatti dei vini di Riserva della Cascina:
vini riserva della cascina
Gallieno IGT Lazio Malvasia Puntinata 2017 - Riserva della Cascina: un bianco che eleva la Malvasia Puntinata a ciò che potrebbe essere ma nella maggior parte dei casi non riesce ad essere, ovvero un'uva capace di dare origine a vini completi
Il naso è suadente, complesso nel suo mix di frutta, fiore e note vulcanico/minerali e balsamiche di salvia e menta che fanno da incipit ideale ad un sorso composto, pieno ma al contempo slanciato e vibrante nel suo allungo acido-sapido. Un vino che non manca di nulla e che diverte con la sua beva facile ma non per questo scontata. Il vulcano è spento ma il vino è decisamente “acceso”, luminoso e vitale!

La Via delle Rose IGT Lazio Rosato 2017 - Riserva della Cascina: se dalla Malvasia Puntinata ho avuto una conferma è con questo Rosato che Silvia e la sua azienda mi hanno stupito! Sto portando avanti da 2 mesi degustazioni selettive “in rosa” e pochi vini mi hanno colpito in maniera così nitida, senza bisogno di effetti speciali o di scimmiottamenti provenzali. Questo Rosato base Sangiovese e Montepulciano da vinificazione in bianco sa essere sé stesso, senza la boria di chi esaspera corpo ed estrazione né l'esilità di chi scarica troppo pur di avere qualcosa di cromaticamente simile ai modelli imposti dalla Provenza. Non so perché, ma credo sia un buon tentativo di personificazione in quanto nel bicchiere sin dal colore inizia a parlare della sua unicità, per poi passare ad un naso affabile, garbato con le sue note dolci e fresche e agrumate. Come sempre, però, è il sorso a dover dare indicazioni più concrete sulla reale personalità di un vino e questo Rosato entra con grande carattere, schietto e sicuro nel suo incedere consapevole dell'annata favorevole alla sua espressività. Acidità e sale non mancano e, anche in questo caso, agevolano une beva dinamica e inerziale. Una rosa che ha nello stelo la spina dorsale minerale del vulcano e che non ha spine ma petali affilati, leggiadri, morbidi al tatto ma, soprattutto, forte e resistente... persistente!

IX Miglio Rosso IGT Lazio Rosso 2016 - Riserva della Cascina: se nei bianchi è l'autoctono ad imperare, con i rossi la storia è differente. Questo blend di Cabernet, Merlot e Sangiovese è frutto di scelte d'impianto dettate dalla voglia di sperimentare con uve rosse non tipiche, ma capaci di fondersi al meglio, in un contesto pedoclimatico differente da quello in cui vengono prodotti, ad esempio, la maggior parte dei Super Tuscan. Ciò che mi ha colpito molto, però, è stato l'approccio ancora una volta garbato e "low profile" con il quale Silvia ha voluto trattare queste uve, senza andare ad appesantirne la struttura e ad imbrigliarne il frutto con il legno, bensì enfatizzandone la freschezza, la speziatura varietale e le note minerali sia al naso che al sorso. Un sorso giocato tutto sulla verticalità, cosa che spesso in questo genere di taglio è difficile trovare. Il vulcano aiuta molto a donare una personalità distintiva con un tipico finale ematico che invoglia al refill di calice in calice. Temevo si trattasse di un vino noioso, ma anche in questo caso mi sono divertito molto nell'assaggiarlo e anche nel berlo!

Di solito concludo con le mie considerazioni generali sull'azienda, ma dato che nel corso dell'articolo vi ho dato modo di evincere da soli molte delle mie impressioni presenti e future sulla cantina Riserva della Cascina, stavolta preferisco che a fare da chiosa sia un'immagine che l'aneddoto raccontato dalle testuali parole di Silvia potrà evocarvi:
"Ricordo mio nonno Giovanni nell'orto, nel tardo pomeriggio estivo che vanga sudando. Io ancora ragazzina che mi affaccio alla finestra e lo vedo. Lo saluto gridando “nonno!”. Lui mi guarda e mi fa un gesto con la mano sinistra, avvicinando l'indice al pollice. Io capisco al volo: esco di casa, vado in cantina, prendo un bicchiere da osteria, ci metto un po' di vino, pari alla distanza tra il pollice e l'indice di cui sopra, e glielo porto in mezzo all'orto. Lui lo beve d'un fiato e mi dice: "ringrazio commosso"."

Questo è il Lazio del vino che vorrei sempre trovare in vigna, in cantina, in bottiglia e nel mio bicchiere!

F.S.R.
#WineIsSharing

Elenco blog personale